Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RAGUSA: UOMO UCCISO IN AUTO, L’OMICIDA CONFESSA

RAGUSA: UOMO UCCISO IN AUTO, L’OMICIDA CONFESSA

“L’omicida ha confessato l’uccisione di Salvatore Di Grandi, 66 anni. Il killer lo ha freddato con due colpi di pistola alla nuca sparati dal sedile posteriore. E’ stato fermato Giovanni Caruso, barista di 36 anni. Interrogato si è autoaccusato del fatto: "Tre anni fa mi aveva offeso davanti a tutti". Un altro uomo, Alfredo Scatà, 46 anni, che si trovava sul sedile lato passeggero, è accusato di concorso in omicidio volontario”.

Print Friendly, PDF & Email

Ragusa. Omicidio nella notte in città. La vittima è un 66enne, Salvatore Di Grandi. L’uomo è stato ucciso con due colpi di pistola alla nuca mentre era alla guida di un’auto. Ad ucciderlo sarebbe stato Giovanni Caruso, 36 anni, che dal sedile posteriore dell’auto lo ha freddato con due colpi di pistola calibro 6,35 alla nuca. Un altro uomo, Alfredo Scatà, 46 anni, che si trovava sul sedile lato passeggero, è accusato di concorso in omicidio volontario. I due sono stati fermati dalla polizia.

Alcuni giovani  nel parcheggio del Palaminardi in cui è avvenuto l’omicidio hanno chiamato il 118 e avvisato la polizia. Pare che i tre uomini avessero bevuto nel corso della serata trascorsa insieme. L’omicidio sarebbe stata una vendetta per una lite scoppiata in passato per futili motivi. Così dopo i colpi di pistola l’auto guidata dal Di Grandi ha finito la sua corsa contro un muro. “L’ho ucciso perché tre anni fa mi aveva umiliato davanti a tutti”.

Giovanni Caruso, 36 anni, barista, avrebbe covato per tutto questo tempo un sentimento di rancore nei confronti della vittima, barista anche lui. È la confessione che ha reso l’omicida al pm Claudia Maone che l’ha interrogato stamane per cercare di venire a capo di un omicidio che presenta molti lati oscuri proprio per la futilità del movente. Gli inquirenti cercano di definire anche il ruolo di Alfredo Scatà, muratore di 46 anni, che ha accompagnato Caruso durante l’omicidio. Questa la domanda che gli investigaori si pongono:  Scatà era a conoscenza della volontà dell’omicida di commettere il reato, oppure si è trovato inconsapevolmente ad assistervi?

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, i tre si sarebbero incontrati in un bar per bere qualcosa, per poi spostarsi in un altro e continuare a bere, prima di mettersi in auto e convincere Di Grandi a dirigersi verso la sua abitazione. Durante questo tragitto Caruso ha estratto la pistola esplodendo due colpi di arma da fuoco in direzione della nuca del Di Grandi. Dopo aver commesso il delitto i due sono fuggiti ma sono stati rintracciati, dopo qualche ora, dagli uomini della squadra volanti guidata dal vice questore Antonio Ciavola. L’omicida è stato ammanettato nel bar del fratello, dove lavorava, mentre Scatà è stato arrestato nella sua abitazione. Continuano ancora le indagini da parte degli agenti di polizia che tentano di ricostruire il vero ruolo dello Scatà.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook