Archiviato in | Spettacolo, Teatro

TEATRO DON BOSCO: SUCCESSO PER IL DEBUTTO DELLA NUOVA COMPAGNIA ODèON

TEATRO DON BOSCO: SUCCESSO PER IL DEBUTTO DELLA NUOVA COMPAGNIA ODèON

"Successo di pubblico e di critica per il debutto della Nuova Compagnia Odèon diretta da Rita Nicotra"

Print Friendly, PDF & Email

Ciascuno di noi indossa una maschera che gli permette di mostrarsi agli altri in maniera diversa da come è o, crede, di essere. Tema caro alla letteratura d’ogni tempo quello della maschera, Pirandello ne è Maestro, viene riletto dai due autori Faele e Romano in una chiave leggera e frivola. Stiamo parlando di “Fumo negli occhi”, divertente commedia, messa in scena al Teatro Don Bosco, dalla Nuova Compagnia Odèon, che ha aperto ufficialmente la stagione 2013-2014.

Fumo negli occhi racconta la storia di una famiglia ossessionata dal desiderio irrefrenabile di fingere, e ostentare benessere.

Protagonista della brillante commedia è Rosa Cassarà, magistralmente interpretata da Rita Nicotra. Rosa è ossessionata dal tenore di vita della sua vicina la signora Pipitone (Nerina Nicotra), e per tenerle testa solo in apparenza, fa impazzire il marito Casimiro (Sebastiano Finocchiaro) con le sue stravaganze e le sue idee dell’apparire e non dell’essere.

Un classico del teatro popolare siciliano, una commedia sempre attuale che denuncia apertamente le storture della società dell’ immagine di ieri e di oggi, dove la scalata al successo e al miglioramento dello status sociale rappresentano spesso gli unici obiettivi importanti da raggiungere.

Rosa è sposata a Casimiro Cassarà (Sebastiano Finocchiaro); con loro vivono i due figli adolescenti Patrizia (Grazia Patania) e Lello (Carmelo Marino), hippy per vocazione, vestendosi come un figlio dei fiori, il nonno (Mario Calì) che vede in casa solo spiriti e, una governante, Marietta (Federica Scuderi) tutto pepe, dall’accento veneta. Lo scenario è quello dei mitici anni Sessanta, del boom economico e dei beni di consumo che cominciano ad invadere le case degli italiani, ma sembra che la vita che conduce la famiglia Cassarà non soddisfi la donna, che costringe tutti a recitare una parte per la smania di competizione con la dirimpettaia signora Pipitone (Nerina Nicotra), il cui marito è un sottoposto di Casimiro. La figlia è costretta ad andare in giro in abbigliamento da cavallerizza pur non avendo un cavallo, la povera governante, Marietta (Federica Scuderi), a simulare, con una scopa, un’aspirapolvere ultimo modello, e il signor Cassarà a comprare un antenna, lasciando in negozio il televisore, pur di far contenta la moglie. Ma la follia che pervade questa piccola parvenue, la vedrà spingersi oltre ogni limite quando la tanto citata signora Pipitone si recherà in casa loro per lasciarle il gatto nei due giorni di vacanza che lei e il marito trascorreranno sulla Costa Azzurra. Rosa le rifiuterà la cortesia, accampando la scusa di una vacanza familiare di quattro giorni a Capri, ma non avendo la possibilità economica la famiglia sarà costretta a restare chiusa in casa con il caldo asfissiante d’agosto come nei peggiori incubi e con l’inaspettata visita di un ladro (Giuseppe Caponnetto). Alla fine la verità uscirà in tutto il suo splendore, compresa quella inimmaginabile della famiglia Pipitone. E così, Casimiro, potrà imporre alla moglie di disfarsi di tutti gli orpelli e non mettere in campo mezzucci stupidi e puerili. Apprezzata la regia curata da Claudio Jacobello.

Una commedia sempreverde che rispecchia non poco l’attualità e che svela nelle ultime battute una verità sconcertante che fa riflettere i protagonisti e il pubblico. Il giusto equilibrio tra humor, ironia e sarcasmo e l’indiscussa bravura degli attori hanno reso la commedia gradevole e spensierata, apprezzata dal pubblico che ha applaudito a lungo i protagonisti. La scenografia è stata realizzata dalla ditta Balsamo; fonica e luci, Vito Mammana; Costumi, Sartoria Odèon; Direttore di scena, Gabriella Santonocito; Direttore di palco, Antonella Ferito, Angela Ursino; Responsabili di sala e botteghino, Vera Li Pira, Simone Bottino, Sergio Lo Re, Pino Battiato Carlo Mammana, Mario Grancagnolo, Martina La Ferrara, Marika e Marco Puglisi, Davide Di Bella, Cristina Finocchiaro, Lilia Giuffrida, Maria Cardì e Maria Bottino.

L’appuntamento per il prossimo spettacolo della stagione teatrale, è per il 30 novembre e 1 dicembre, con “Le due Sorgive”, di Saverio Fiducia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook