Archiviato in | Sicilia in Cucina

LA PROVA DEL CUOCO: INTERVISTA ALLO CHEF SANTO MOLINO

LA PROVA DEL CUOCO: INTERVISTA ALLO CHEF SANTO MOLINO

Print Friendly, PDF & Email

È ripartita con grande successo la nuova edizione de “La Prova del Cuoco” su Rai Uno, condotta da Antonella Clerici e quest’anno ha visto l’inizio della nuova gara “SuperChef”. A cercare di aggiudicarsi la vittoria c’è anche Santo Molino, 32enne catanese e chef della struttura turistica del turismo rurale Avola Antica, che si trova ad Avola, in provincia di Siracusa (vincitore del certificato di eccellenza come migliore struttura per l’anno 2013) . Santo, con il suo sorriso e la sua simpatia, ha già partecipato alla prima sfida in diretta tv ed è pronto a farsi notare anche nel girone di ritorno (su Rai1 il prossimo 11 ottobre).

Com’è nata questa voglia di partecipare a “La Prova del Cuoco” ?

“Tutto è nato da un provino a Roma – spiega Molino – dove eravamo 180 chef di tutta Italia. Da lì siamo diventati sei e siamo approdati alla fase finale su Rai Uno. Ognuno di noi aveva a disposizione venti minuti per preparare due piatti che poi venivano assaggiati e valutati da una giuria d’eccezione. Stessa formula della puntata televisiva dove a giudicare è il grande maestro Davide Gabin”.

Nella foto lo chef Santo Molino di Avola

Nella foto lo chef Santo Molino di Avola

L’impatto con la telecamera?

“Sicuramente un momento molto entusiasmante dove giustamente l’emozione ti accompagna per tutta la diretta televisiva. Oltre al piatto e ai suoi ingredienti devi pensare anche a spiegarlo”.

Tutto accompagnato dalla padrona di casa, Antonella Clerici.

“Assolutamente si. Tra l’altro la Clerici è proprio uguale a come si vede in tv. Simpaticissima, solare e gentile con tutti. Basta mettere un piede negli studi e ci si sente a casa. Come una grande famiglia”.

Com’è nata la tua passione per la cucina?

“Da oltre dieci anni sono dietro i fornelli e ci metto tutta la passione. La mia cucina è caratterizzata da sapori decisi e raffinati. Amo mescolare la creatività e i colori della tradizione. Per me la presentazione del piatto è importantissima perché anche l’occhio vuole la sua parte. Nella mia cucina non mancano mai l’olio di oliva e gli aromi tipicamente mediterranei, mi diverto ad utilizzare riduzione di vino e aceto. Cucino la carme ma preferisco di gran lunga lavorare con il pesce”. 

Il tuo piatto forte?

“Riso verde con crostacei e vellutata di cavolfiore bianco”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook