Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ARS: NUOVO RINVIO PER LA COMMISSIONE SUL TAGLIO DELLE SPESE

ARS: NUOVO RINVIO PER LA COMMISSIONE SUL TAGLIO DELLE SPESE

“Era stata prevista per oggi all'Ars la seduta della commissione che si occupa della revisione delle spese dell’ente ma è stata rinviata al 2 ottobre. I componenti dell’organo assembleare dovrebbero predisporre il disegno di legge di recepimento del decreto Monti sui tagli ai costi della politica”.

Print Friendly, PDF & Email

Ars. Tra slittamenti e proroghe si registra ancora un rinvio in commissione revisione di spesa dell’Ars. La riunione prevista per oggi è stata nuovamente rinviata, al 2 ottobre. Si tratta della terza convocazione che va a vuoto I componenti dell’organo assembleare dovrebbero predisporre il disegno di legge di recepimento del decreto Monti sui tagli ai costi della politica prevedere le spese dei gruppi parlamentari e la riduzione delle indennità dei deputati. La commissione quest’oggi si sarebbe dovuta riunire per l’elezione del nuovo presidente, dopo le dimissioni di Antonello Cracolici (Pd), e quindi proseguire l’esame del ddl, inceppato proprio alla trattazione del taglio alle indennità dei deputati. Sono due le soluzioni sul tavolo della discussione: applicare semplicemente i tagli alle indennità come da decreto Monti e in linea con quanto hanno fatto le altre Regioni (11.100 euro lordi al mese) oppure ridurre le indennità dei deputati mantenendosi nel limite degli 11.100 euro lordi (oggi sono circa 20 mila euro) ma rimanendo agganciati al Senato e dunque con la possibilità di ritocchi eventualmente possibili più in la.  I componenti della commissione hanno ricevuto una mail dal vice presidente vicario Mimmo Turano (Udc) con la quale ha informato i membri del rinvio della riunione. I tempi a questo punto sono strettissimi. I commissari avranno quindici giorni di tempo per dare il parere al ddl. Se non se non si adotteranno i tempi prestabiliti, la commissione fallirà gli obiettivi per cui era stata istituita dalla Presidenza dell’Ars. Nel caso di fallimento, il presidente Giovanni Ardizzone ha già comunicato a chiare lettere che egli stesso procederà per via amministrativa con proprio decreto. E’ chiaro che gli articoli del ddl già approvati, sette su dieci, non saranno inseriti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook