Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PIAZZA ARMERINA (EN): IMBIANCHINO UCCISO PER 100 EURO, DUE ARRESTI

PIAZZA ARMERINA (EN): IMBIANCHINO UCCISO PER 100 EURO, DUE ARRESTI

“In riferimento all'uccisione di Calogero Abati la polizia ha arrestato due persone, Si tratta del proprietario di un bar, Vincenzo Puglisi, 20 anni e del padre Guglielmo 52 anni, proprietario di un negozio di abbigliamento. La polizia indaga sull'omicidio del giovane imbianchino avvenuto ieri a Piazza Armerina. I due fermati sono padre e figlio. La lite è degenerata dopo che i due avrebbero negato i soldi che dovevano alla vittima 100 euro che servivano per pagare le medicine alla figlia”

Print Friendly, PDF & Email

Piazza Armerina. La vittima Calogero Abati aveva 29 anni, imbianchino è stato ucciso ieri pomeriggio in Via Carducci davanti a un bar a Piazza Armerina in provincia di Enna. Gli agenti di polizia  hanno rinvenuto tre coltelli di cui uno insanguinato. A incastrare i due alcune telecamere di sicurezza che avrebbero ripreso la dinamica del delitto. Abati, che aveva fatto dei lavori per i Puglisi, era andato al bar a chiedere 100 euro che i due gli dovevano, per comprare medicine alla figlia. I soldi sembra gli siano stati negati perchè padre e figlio ritenevano che il lavoro fosse incompleto e nonostante il giovane avesse manifestato la volontà di continuare. Da qui la discussione sarebbe degenerata in una furiosa lite sfociata nell’omicidio. Calogero è il figlio di Riccardo Abati, coinvolto in vicende di mafia e condannato negli anni ’90 come appartenente a Cosa nostra. Il pm Anna Granata, che segue l’indagine, ha interrogato anche il genero di Puglisi. Ma l’uomo è stato poi rilasciato in quanto è emerso che era presente nel luogo dove si è consumato l’omocidio, ma avrebbe tentato di sedare la lite rischiando anche di essere lui stesso ferito dalle coltellate. Dall’autopsia emerge che Calogero Abati è stato ucciso con due profondi fendenti, uno al cuore e uno al polmone.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook