Archiviato in | Politica, Politica Regionale

PALERMO: ATTENZIONE DELLA POLITICA SUGLI ENTI LOCALI, PROTESTA DEI SINDACI

PALERMO: ATTENZIONE DELLA POLITICA SUGLI ENTI LOCALI, PROTESTA DEI SINDACI

“La protesta dei sindaci vuole riportare l'attenzione della politica regionale sugli enti locali che rischiano il collasso. Sono più trecento davanti a palazzo dei Normanni”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. I sindaci siciliani, più di 300, con una delegazione dell’Anci Sicilia sono partiti in corteo e sono a palazzo dei Normanni per una protesta che vuole riportare l’attenzione della politica regionale sugli enti locali.  Paolo Amenta e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente vicepresidente vicario e segretario generale dell’AnciSicilia si rivolgono alle istituzione “Si vuole sottolineare, che non è concepibile pensare di risolvere, come è stato proposto dal governo nell’ultima Conferenza Regione-Autonomie locali, i problemi finanziari dei piccoli comuni sottraendo, ancora una volta, risorse ai grandi comuni. Questi ultimi, infatti, hanno subìto le pesanti conseguenze delle scelte del governo nazionale in materia di Imu e sul fronte dei trasferimenti. Non si possono portare avanti discutibili riforme ordinamentali senza il coinvolgimento degli enti locali e con il serio rischio di portare in Sicilia il caos istituzionale. Inoltre, non è accettabile che temi di importanza vitale per gli enti locali come i trasferimenti regionali e le riforme istituzionali, siano trattati in maniera superficiale e attraverso soluzioni improvvisate. Per questi motivi, l’associazione ha chiamato a raccolta tutti gli amministratori dell’Isola per ridefinire, una volta per tutte, il rapporto tra la Regione e i comuni, in modo tale da rendere questi ultimi protagonisti a pieno titolo della politica regionale”

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook