Archiviato in | Spettacolo

FEDERICO MOCCIA: INTERVISTA DIETRO LE QUINTE

FEDERICO MOCCIA: INTERVISTA DIETRO LE QUINTE

"Il regista romano, nonché sceneggiatore e scrittore, si è fatto conoscere al grande pubblico con il suo primo libro “Tre metri sopra il cielo”.

Print Friendly, PDF & Email

“Universitari – Molto più che amici” è il nuovo film di Federico Moccia(nella foto di Jessica Hauf )che è stato presentato in anteprima nazionale al Cine-Teatro Metropolitan di Catania all’interno del Trailer Film Fest. ( Leggi anche  http://www.informasicilia.it/2013/09/21/catania-xi-edizione-trailer-film-fest-ospite-il-regista-federico-moccia/#.UkRdqxxH4dU ) Il regista romano, nonché sceneggiatore e scrittore, si è fatto conoscere al grande pubblico con il suo primo libro “Tre metri sopra il cielo”. ()

Un film sulla vita universitaria, ma lei che ricordi ha della sua università? “ Ho frequentato La Sapienza di Roma – spiega Moccia – e ho vissuto un po come i protagonisti del film. Essendo di Roma andavo sempre a mangiare dai fuori sede ed assaggiato dalle orecchiette alle cime di rapa, alla Ndujia passando ai buonissimi cannoli siciliani. È stato un periodo di grande piacere, grandi sogni, grandi potenzialità. Nel film mi piace raccontare il mio ricordo. Ogni volta che mi metto a scrivere vorrei che la società vedesse la possibilità delle tante cose da fare e soprattutto si dovrebbe essere più consapevoli che bisogna sorridere alla vita, perché se si è sempre incazzati, la vita non va meglio. Anzi”.

Federico Moccia, l’uomo che è riuscito a raccontare la vita delle nuove generazioni, diventando un loro punto di riferimento. Un mito da seguire. “Non credo che io abbia influito nella loro vita, perché gli adolescenti sanno cosa vogliono senza che nessuno gli dica cosa fare. Sicuramente ho descritto le loro prime storie d’amore, le loro prime emozioni, i primi sentimenti. Anche se per definire l’amore non bastano le parole che ho usato, perché ognuno di noi vive questo sentimento con le sue particolarità. Quello che sente ognuno di noi, non sarà possibile farlo capire agli altri. Ci sorprendiamo quanto amiamo una persona e a volte siamo sciocchi quando ci vergogniamo a non mostrarlo”.

Però dopo “Ho voglia di te”, è veramente esploso il fenomeno dei lucchetti degli innamorati di Ponte Milvio a Roma. Segno d’amore di giovani coppie che emulano i suoi personaggi. “Credo che io in quel momento abbia acceso un’idea nelle coppie di innamorati. Loro, sicuramente anche grazie alla visione del film, hanno ritenuto che fosse una di quelle emozioni da provare. Io ho solo raccontato la mia visione dell’amore e della coppia protagonista del film”.

Lei cosa ricorda della sua prima fidanzatina? “Che non era una fidanzatina ma una storia importante. Importante proprio perché era la prima. Il primo amore non si dimentica mai, si vivono delle emozioni che mai si erano provate e delle nuove sensazioni. Ricordo ancora il suo sorriso, il suo diventare timida e toccarsi i suoi tanti capelli ricci e neri. I primi baci”.

Com’è cambiato il concetto di amore negli adolescenti di oggi? “Credo che non sia cambiato assolutamente. Magari oggi si vive con più tecnologie ma i sentimenti sono rimasti uguali alla mia adolescenza. La paura dell’amore, la solitudine che ti viene dopo che una storia è finita male, l’emozioni condivise con una persona accanto, credo che saranno uguali in tutte le varie generazioni”.

Non crede che questa nuova tecnologia abbia allontanato i giovani? “Magari oggi si passa tanto tempo su facebook, ma sicuramente gli sguardi, le carezze, i sorrisi solo il contatto reale può dartelo. Ed i giovani lo sanno benissimo”.

È più difficile essere un autore televisivo o scrivere un libro? “Tutto ha la sua difficoltà e la sua bellezza. Con l’amore è possibile fare qualunque cosa. Ciò che non ami è normale che ti affatica di più. Se si lavora solo per i soldi sarà tutto impossibile. Io amo il mio lavoro”.

Perché si deve andare al cinema per vedere “Universitari – Molto più che amici”? “Perché è una commedia ed oggi c’è il bisogno di ridere. È un film utile per qualsiasi età perché dietro gli universitari ci sono anche le loro famiglie e il loro vivere quotidiano. E poi perché gli attori sono bravi”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook