Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: BANDA DI LADRI RUBAVA AUTO SU RICHIESTA, DIECI ARRESTI

CATANIA: BANDA DI LADRI RUBAVA AUTO SU RICHIESTA, DIECI ARRESTI

“Smascherata una banda di ladri che agiva su commissione, l'ordine arrivava da clienti di Agrigento gli ordini arrivavano per le Fiat Panda e 500. A Catania il gruppo si era ben organizzato: i furti erano sistematici e andavano a buon fine grazie a sofisticati strumenti tecnologici, come le "centraline elettroniche" contraffatte, che permettevano di neutralizzare anche i sistemi di localizzazione satellitare”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. L’operazione denominata ‘Showroom’ è stata eseguita dalla squadra mobile di Catania in collaborazione con la squadra mobile di Agrigento. E’ stata smascherata una banda di ladri di autovetture che agiva come una concessionaria: rubavano le auto su commissione. Gli agenti hanno eseguito cinque arresti, tre dei quali ai domiciliari, e altrettanti obblighi di dimora. Il gruppo agiva secondo gli ordini che arrivavano dai clienti di Agrigento. La vettura veniva poi riciclata e venduta al richiedente a un prezzo vantaggioso. I reati ipotizzati sono associazione per delinquere, rapine e furti. Il provvedimento cautelare è stato emesso dal Gip etneo ipotizzando i reati di associazione per delinquere, furti d’auto e ricettazione.

La polizia ha annientato una rete criminale capace di procurare, rubandole, qualunque tipo di auto. Secondo quanto emerso da intercettazioni ambientali, sarebbe stato Nicotra da Agrigento, dove operavano con lui anche La Marca e Tornambè, a telefonare a Puglisi o a Zammataro per fare partire l’ordinazione, utilizzando frasi in codice concordate  come “acquistare presso l’autosalone”, che indicava il furto, o “showroom”, il luogo dove sarebbe dovuto avvenire lo stesso. Gli ordinativi erano dettagliati e indicavano il modello dell’auto, ma anche il colore e addirittura l’anno di fabbricazione. Tra le più richieste le piccole Fiat Panda e Fiat 500.

Gli arrestati: Orazio Puglisi, 39 anni, e Agatino Zammataro, di 35. I domiciliari sono stati disposti per Domenico Parisi, 43 anni, Salvatore Nicotra, 40, e Luigi Tornambè, di 41. Il Gip ha disposto l’obbligo di dimora per altri cinque indagati: Andrea Biffi, di 24 anni, Massimiliano Consoli, di 35, Giuseppe Dainotti, di 20, Innocenzo Iacona, di 48, e Maurizio La Marca, di 30.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook