Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: IL PD RITIRA IL SOSTEGNO ALLA GIUNTA CROCETTA

REGIONE SICILIANA: IL PD RITIRA IL SOSTEGNO ALLA GIUNTA CROCETTA

“Dopo la relazione del segretario Lupo, la direzione del partito ha approvato i punti inseriti nella relazione dell’esponente regionale, contrari solo sette voti. Così, i quattro assessori in giunta sono stati invitati a dimettersi. Si delinea così in Regione l’apertura della crisi. Il presidente Crocetta della Regione perde la maggioranza in parlamento e replica: “Se ne assumano la responsabilità storica. Andrò avanti, ho il mandato del popolo. E poi aggiunge: “E' solo una questione di poltrone”

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Rosario Crocetta non ha più la maggioranza. Il Pd ritira il suo sostegno. La direzione del partito ha votato a maggioranza la relazione del segretario regionale Giuseppe Lupo:  solo sette i voti contrari. Così, dopo soli nove mesi di governo, si apre la crisi di governo. Il Pd tuttavia non passerà all’opposizione, ma valuterà i singoli provvedimenti che il governo porterà in Assemblea regionale. A questo punto, Crocetta non ha più la maggioranza in Parlamento, potendo contare su poco meno di trenta deputati su 90 (il Pd ne ha 18). Il partito chiede ai quattro assessori che lo rappresentano in giunta di dimettersi: sono Nino Bartolotta (Infrastrutture), Mariella Lobello (Ambiente), Nelli Scilabra (Formazione) e Luca Bianchi (Economia). Chi non lo farà rimarrà a titolo personale e sarà deferito ai garanti del partito. Tre dei quattro assessori erano presenti al dibattito che si è svoltoin direzione Bartolotta era assente. Tra i componenti della giunta, la Lo Bello ha preso la parola, ammettendo qualche errore della giunta ma difendendo il suo operato, per poi rimettere il suo mandato alle decisioni del partito.

Dal canto suo il presidente Crocetta ha commentato la decisione del Pd: “Sono esterrefatto – dichiara all’ansa il presidente –  in uno dei momenti più dolorosi della mia vita, con due agenti di scorta in rianimazione, mi trovo davanti al muro di gomma di un pezzo dei dirigenti del Pd. Mi tolgono il sostegno? Si assumano la responsabilità storica, io vado avanti, ho il mandato del popolo siciliano e della base del partito. Il problema con quel pezzo del Pd che ha fatto votare una cinquantina di persone per togliermi il sostegno è legato solo alle poltrone. Tutto è nato per una questione di poltrone, se qualcuno dice che non è così vuol dire che sono il primo a non averci capito nulla. Purtroppo però è così, perché ho offerto la massima disponibilità a dialogare, mi hanno risposto con degli aut aut, facendo i nomi degli assessori da sostituire, tra cui quello di Luca Bianchi”.

Crocetta, comunque, tiene ancora aperto il dialogo. “I margini per il dialogo- afferma –  restano sempre quando si parla di politica, ma se si continua a discutere di rimpastini i margini allora non ci sono. Poi in merito alle prove di dialogo fa notare che non sarà lui a fare il primo passo: “Io chiamare? No, chi lo pensa allora non mi conosce. Non posso entrare in questi giochi di potere, la verità è che tra me e loro c’è un problema di linguaggio, di comunicazione”.

I quattro assessori regionali in quota Pd, Nino Bartolotta, Mariella Lo Bello, Luca Bianchi e Nelli Scilabra per ora non si dimettono, prenderanno una pausa di riflessione. Questa sera analizzeranno, insieme, il documento approvato dalla direzione regionale del Pd, che impone loro di lasciare la giunta Crocetta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook