Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO. MAXI SEQUESTRO DEI BENI AL PRESTANOME DI MESSINA DENARO

PALERMO. MAXI SEQUESTRO DEI BENI AL PRESTANOME DI MESSINA DENARO

“All’imprenditore di Castelvetrano Giuseppe Grigoli denominato il "re dei supermercati" già in carcere, sono stati confiscati beni per 700 milioni. Deteneva nel suo immenso patrimonio 12 società, 220 fabbricati e 133 terreni”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. La direzione investigativa antimafia ha sequestrato beni mobili e immobili per un valore di oltre 700 milioni all’imprenditore di Castelvetrano Giuseppe Grigoli, 64 anni, indicato dagli inquirenti come uomo di fiducia e prestanome del boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto il capo di Cosa nostra. Il provvedimento definitivo di confisca del patrimonio emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Trapani riguarda 12 società, 220 fabbricati tra palazzine e ville, e 133 appezzamenti di terreno per un totale di 60 ettari. Un tesoro che, secondo gli investigatori, sarebbe frutto di proventi illeciti e di riciclaggio di denaro sporco. Giuseppe Grigoli, è attualmente detenuto per il suo ruolo di primo piano nel settore della grande distribuzione. E’ stato condannato dalla Corte d’appello di Palermo a 12 anni di reclusione per associazione per delinquere di stampo mafioso; nell’ambito dello stesso procedimento penale, Matteo Messina Denaro è stato condannato a 20 anni di reclusione.

Quando fu arrestato il boss Bernardo Provenzano, vennero trovati nel suo covo alcuni pizzini, che era la corrispondenza tra Messina Denaro e lo stesso Provenzano, sempre tra la corrispondenza di Provenzano vennero rinvenute lettere che si riferivano a Giuseppe Falsone, boss agrigentino all’epoca latitante, in cui si faceva riferimento a Grigoli, che si trovava al centro di una controversa tra la famiglia mafiosa di Trapani e quella di Agrigento. Il provvedimento di confisca riguarda l’intero capitale sociale della Grigoli distribuzione; quote di partecipazioni nella Società di gestione centro commerciale Belicittà; della Gagivi di Canicattì (Ag); della Alimentari Provenzano a Giardinello (Pa). Confiscati anche il compendio aziendale e l’intero capitale della 6 Gdo che detiene quote di partecipazioni di altre società e che gestisce direttamente 43 punti vendita con marchio Despar, Eurospar, Superstore e Interspar nelle province di Trapani e di Agrigento e 40 punti vendita in regime di affiliazione al marchio Despar.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook