Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TEMPORALI IN PROVINCIA DI CATANIA: CONTINUANO LE RICERCHE DEL 53ENNE DISPERSO

TEMPORALI IN PROVINCIA DI CATANIA: CONTINUANO LE RICERCHE DEL 53ENNE DISPERSO

“L’uomo, ancora non si trova, è un dipendente del Tribunale di Catania e dopo aver ritrovato lo scooter, si cerca ancora dopo che testimoni hanno riferito averlo visto trascinare dall’acqua tracimata del torrente Anzalone, uno dei tanti fiumiciattoli solitamente in secca”.

Print Friendly, PDF & Email

Temporali in provincia di Catania. Ancora si cerca il 53enne scomparso tra la furia dell’acqua in contrada Anzalone di Capo Mulini, frazione marinara di Acireale. Alle ricerche del 53enne disperso da venerdì sera, partecipano i sommozzatori dei vigili del fuoco, carabinieri di Catania e gli agenti del commissariato di Acireale e polizia locale. Diversi testimoni hanno riferito che l’uomo, impiegato civile al Palazzo di giustizia di Catania, era su uno scooter, e lo stava per spostare nel tentativo di metterlo al riparo. In quel frangente è stato sommerso dalla piena improvvisa del torrente. Lo scooter è stato trovato nella tarda serata di ieri, l’uomo ancora non si trova. A lanciare l’allarme erano state due coppie di giovani le cui auto erano state travolte dall’acqua. Due di loro sono stati estratti da una delle vetture dai soccorritori. I quattro hanno subito riferito agli investigatori di avere visto una persona su uno scooter portata via dall’acqua in direzione della vicina foce. Subito sono scattate le ricerche dell’uomo, che continuano tutt’ora anche con l’ausilio dei sommozzatori dei vigili del fuoco.  Già ieri sera i pompieri avevano recuperato le auto e lo scooter che è stato trascinato solo per pochi metri, l’auto in cui era a bordo la signora salvata dai poliziotti si è impantanata sotto il ponte, mentre la vettura nella quale erano a bordo i due ragazzi è stata trascinata dalla forza dell’acqua quasi a valle.  Già infuriano le prime polemiche. Per alcuni abitanti di Acireale la tragedia era già stata annunciata a causa della cementificazione selvaggia di cui è stata presa di mira negli ultimi anni la zona di Santa Maria della Grazie. Si fa riferimento a strade che sarebbero state asfaltate per consentire l’accesso ad alcuni insediamenti commerciali. Sulla tragica vicenda il procuratore capo di Catania, Giovanni Salvi, ha aperto un’inchiesta conoscitiva, delegando il fascicolo al sostituto Agata Consoli. Mentre continuano le attività investigativa della polizia scientifica

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook