Archiviato in | Musica, Spettacolo

MAX GAZZE’: INTERVISTA AL CANTAUTORE

MAX GAZZE’: INTERVISTA AL CANTAUTORE

In una piazza gremita di pubblico, ha chiuso l’edizione 2013 del Sonica Fest a Misterbianco, il cantautore Max Gazzè.

Print Friendly, PDF & Email

MAX GAZZE’. In una piazza gremita di pubblico, ha chiuso l’edizione 2013 del Sonica Fest a Misterbianco, il cantautore Max Gazzè. Con il suo “Sotto Casa” tour, Gazzè ha portato in piazza Pertini alcuni dei suoi brani di una carriera iniziata oltre vent’anni. La piazza ha ballato con i grandi successi, passando da “Cara Valentina” a “L’uomo più furbo”, passando da “I tuoi maledettissimi giorni” e “Il solito sesso”. Prima di salire sul palcoscenico, lo abbiamo incontrato.

“Sotto Casa” è un tour che ha visto registrare un sold out in quasi tutte le date. Un successo aspettato?

“Abbiamo fatto un tour in tutta Europa e adesso siamo ritornati in Italia. Ho portato la mia musica anche all’interno dei teatri. In Sicilia siamo stati anche ad Agrigento e al Teatro Antico di Taormina. Sicuramente un tour che ci ha dato tante soddisfazione e a cui sento di dire grazie a tutti coloro che sono venuti ad ascoltarmi”.

Cosa ti ha spinto a voler entrare nel mondo della musica?

“Credo derivi dal DNA di mia madre. Io sono di origini siciliane sia di madre che di padre e credo proprio che i catanesi abbiamo un amore particolare per l’arte. Arte intesa in tutte le sue forme tra cui la poesia e la musica”.

Nella sua carriera c’è anche la partecipazione al film “Basilicata coast to coast”. Che emozioni hai provato?

“Si può definire un film poetico. Siamo riusciti a dare un bel sapore agli spettatori. Non è una commedia ma una narrazione di questa storia. Mi avevano già proposto altre partecipazioni cinematografiche ma il nuovo disco mi ha preso molto tempo. Non ho la necessità di fare l’attore. Adesso sto lavorando ad un progetto con Asia Argento, dove stiamo scrivendo le musiche insieme e farò anche un cameo”.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

“Mi piace andare avanti. Creare dei nuovi percorsi creativi. Vivere il momento ma sempre con la consapevolezza di quello che sto facendo e di quello che posso arrivare a fare. Non ci si deve mai cullare di essere sulla cresta dell’onda, perché si può cadere dalla tavola del surf”.

Che consigli puoi dare ai giovani che vogliono tentare la strada della musica?

“Proseguire nella ricerca di un proprio stile di musica. Adesso magari ci sono più problemi nelle case discografiche ma sicuramente non c’è una crisi delle idee. Invito tutti i ragazzi a concentrarsi a seguire un obiettivo. Bisogna coltivare qualcosa che non c’è”.

E che consigli puoi dare per scrivere una buona canzone?

“Se vuoi sapere da dove nascono i fiori buoni, neanche il Dio della primavera lo sa”.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook