Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RANDAZZO (CT): TURISTI SVIZZERI PROFANANO LA STATUA DI PADRE PIO

RANDAZZO (CT): TURISTI SVIZZERI PROFANANO LA STATUA DI PADRE PIO

“Due turisti svizzeri sono stati denunciati a Randazzo che perché colti in flagranza di reato mentre stavano deturpando la statua del santo inserendo sulla parte superiore del capo e sul braccio una busta di immondizia e una scatola di cartone”.

Print Friendly, PDF & Email

Randazzo. E’ avvenuto a Randazzo, paese medievale alle pendici dell’Etna, in provincia di Catania. I carabinieri della locale stazione  hanno denunciato due cittadini svizzeri, di 50 e 45 anni, la coppia di turisti sono stati denunciati per offese alla religione mediante vilipendio di cose. I militari, erano in servizio e nel normale controllo del territorio transitavano per la centrale via Umberto, nei pressi della chiesa dell’Annunziata, quando hanno sorpreso due stranieri che avendo scavalcato un’inferriata posta a protezione della statua di San Pio da Pietrelcina stavano deturpando la statua del santo inserendo sul capo e sul braccio una busta di immondizia e una scatola di cartone. Bloccati mentre commettevano l’atto le futili giustificazioni addotte dai due turisti non hanno per nulla impietosito i carabinieri, sorpresi di trovarsi di fronte a due cittadini originari del Paese tanto celebrato per l’assoluta osservanza delle regole di civiltà. Così i militari non hanno esitato a procedere nei loro confronti, forse anche nella speranza che quanto successo sia da esempio  per un maggiore rispetto delle cose altrui.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook