PALERMO: CORTE DEI CONTI CONDANNA EX ASSESSORE CENTORRINO E DIRIGENTI REGIONALI

PALERMO: CORTE DEI CONTI CONDANNA EX ASSESSORE CENTORRINO E DIRIGENTI REGIONALI

“La sezione d’appello della Corte dei Conti ha condannato l'ex assessore regionale e il dirigente dell’ufficio preposto a risarcire rispettivamente 360.000 e 500.000 euro per aver finanziato tre progetti della formazione professionale dell'Anfe ente regionale di formazione di Catania”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. L’ex assessore regionale Mario Centorrino(nella foto)  e il dirigente regionale Gesualdo Campo sono stati condannati dalla sezione d’appello della Corte dei Conti a risarcire all’ente 360 mila euro e 500 mila euro ciascuno per aver finanziato le integrazioni a tre progetti della formazione professionale dell’Anfe. I giudici hanno accolto parzialmente il ricorso dell’ex assessore, difeso dall’avvocato Gaetano Armao, che in primo grado era stato condannato a risarcire la Regione di 500mila euro. Inoltre i giudici hanno condannato al pagamento di 74mila euro a testa anche altri due dirigenti: Maria Josè Verde e Marcello Maisano. Caterina Fiorino, è stata assolta, in primo grado era stata condannata al pagamento di 74 mila euro. La Fiorino è difesa dall’avvocato Massimiliano Mangano, ex dirigente della Ragioneria della Regione Siciliana. La vicenda è venuta fuori da un finanziamento di un milione e 742 mila euro a titolo di integrazioni autorizzato con decreto 4478 del 30 novembre del 2010, a firma dell’ex assessore della giunta Lombardo, per l’esecuzione di tre progetti di formazione professionale denominati Sirio, Mizar e Vega gestiti dall’Anfe. “Sotto il profilo del nesso di causalità – scrivono i giudici nella sentenza – appare incontestabile la riconducibilità del danno erariale da parte dell’assessore Centorrino e del dirigente generale Campo”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook