Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: STALKING, PERSEGUITAVA DA ANNI LA EX COMPAGNA DI CLASSE

CATANIA: STALKING, PERSEGUITAVA DA ANNI LA EX COMPAGNA DI CLASSE

“E’ finito in manette un 23enne accusato di stalking. Il ragazzo da quattro anni avrebbe perseguitato con appostamenti e intimidazioni la ragazza che continuava a rifiutare il suo corteggiamento che durava dai tempi della scuola. E’ scattato così l'arresto per il giovane catanese, che con l’accusa di stalking, è stato tradotto in carcere dagli agenti della polizia postale”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il ragazzo continuava a perseguitare la sua ex compagna di classe, che da sempre rifiutava il suo corteggiamento. E’ finito in manette dopo che il Gip su richiesta della Procura di Catania ha emesso il provvedimento restrittivo per atti persecutori. Già dal liceo, circa, 4 anni fa, continuava a tormentarla nonostante da un mese fosse già relegato ai domiciliari. Così dopo l’ennesima segnalazione è scattato l’arresto per un giovane catanese di 23 anni, accusato di stalking. Per lui non c’è stato nulla da fare, infatti, è stato tradotto in carcere dalla polizia postale. Per continuare a vedere la donna, il giovane si era iscritto nella stessa università e continuava a pressarla con messaggi e presenze continue. Lo scorso aprile gli era stato notificato un divieto di avvicinamento che ha violato e per questo da circa un mese era agli arresti domiciliari. Tra gli atti contestati dalla polizia postale al ragazzo sono stati attribuiti appostamenti sul pianerottolo di casa della giovane, telefonate moleste notturne, improvvise apparizioni alle lezioni universitarie e messaggi intimidatori che hanno creato un grave stato d’ansia alla vittima. Inoltre, lo stalker aveva creato diversi i profili sul social network Facebook, con fotomontaggi e frasi offensive nei confronti e della giovane e della madre. Tra i numerosi atti a lui contestati, fingendo di essere il titolare del contratto di energia elettrica della famiglia della ragazza lo ha disdetto lasciando al buiò la casa dei familiari della studentessa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook