Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: FORZE DELL’ORDINE BLOCCANO FAIDA DI MAFIA. FERMATE 9 PERSONE

CATANIA: FORZE DELL’ORDINE BLOCCANO FAIDA DI MAFIA. FERMATE 9 PERSONE

“Operazione dei carabinieri e della Dda etnea nei confronti di presunti esponenti della cosca Navanteri, che operava nei territori di Vizzini e Francofonte. Era in corso la scalata ai vertici della criminalità locale dopo l'arresto del boss D'Avola. La faida è stata sventata dal pronto intervento dei militari dell’arma”

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Stamane, all’alba, oltre cento Carabinieri del Comando Provinciale di Catania e di quelli competenti per territorio hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia. Le operazioni si sono svolte nelle città di Catania, Siracusa, Agrigento e Cremona. Il provvedimento è stato emesso nei confronti di 9 persone ritenute responsabili dei reati di associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di armi, questi ultimi tre aggravati dall’aver agito al fine di agevolare il sodalizio d’appartenenza. L’atto restrittivo viene fuori da un’intensa attività investigativa, supportata da intercettazioni tecniche telefoniche e ambientali, che ha consentito di bloccare un’organizzazione mafiosa vicina a “cosa nostra catanese” e operante nei territori di Vizzini (CT) e Francofonte (Sr) e di individuare la struttura organizzativa e il suo attuale capo, Salvatore Navanteri. L’operazione “Ciclope2” portata a termine questa mattina dai carabineri del Comando provinciale di Catania, ha tradotto nelle carceri di Bicocca, Siracusa, Agrigento e Milano: Antonino Alfieri, 55 anni; Alfio Centocinque, 31; Salvatore Guzzardi, 32 anni; Salvatore Navantieri, 58 anni; Cristian Nazionale, di 26; Luciano Nazionale, 23 anni; Michele Ponte, 41 anni; Luisa Regazzoli, di 54; Tommaso Viana, di 48 anni. Sono tutti pregiudicati tranne Alfieri e Regazzoli.

Il gruppo criminale di tipo gerarchico al suo interno riconosce a capo di essa  Vito Navanteri, Vaina, mentre Antonino Alfieri e Alfio Centocinque quali luogotenenti, mentre quest’ultimo  era gestore della “cassa comune” che si avvaleva per lo svolgimento delle attività illecite della collaborazione di Cristian Nazionale e di Michele Ponte, quest’ultimo da sempre uomo di fiducia della famiglia Navanteri. Tra gli indagati emerge anche a pieno titolo la partecipazione di Luisa Regazzoli, moglie di Salvatore Navanteri, la quale non solo era al corrente delle dinamiche interne della famiglia, ma agiva per favorire e attuare i progetti criminali. Le investigazioni, al momento dell’emissione del provvedimento restrittivo, hanno documentato una spaccatura all’interno del gruppo criminale generatasi a seguito dell’arresto del suo capo originario D’Avola Michele, raggiunto nel dicembre del 2012 da misura cautelare in carcere per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e detenzione illegale di armi, che ha determinato la mancanza di una leadership nel sodalizio.

Le indagini hanno dimostrato che Navanteri, tornato libero, dopo un lungo periodo di detenzione, voleva estendere la propria egemonia sui territori di Vizzini (Ct) e Francofonte (Sr) reclutando anche appartenenti al gruppo criminale di Michele D’Avola.  Quanto sopra ha determinato una profonda spaccatura all’interno dell’organizzazione malavitosa originaria suddivisi tra i fedelissimi a quest’ultimo e una parte che hanno riconosciuto la nuova leadership del Navanteri. Le investigazioni hanno accertato in particolare le modalità dell’agguato del quale è stato vittima il Navanteri l’8 agosto quando gli era stato sparato contro un colpo di fucile calibro 12 che lo ha raggiunto a un occhio. Inoltre, come si evince dalle indagini, il gruppo di fuoco era composto dagli indagati Salvatore Guzzardi e Luciano Nazionale, rimasti fedeli a D’Avola.

I provvedimenti restrittivi effettuati quest’oggi si riferiscono alla situazione di programmazione del su citato fatto di sangue e dalle azioni di sangue che il clan di Navanteri  stava per mettere a segno e dare così una “esemplare risposta armata” agli scissionisti, così come risulta dalle intercettazioni. Nel corso delle perquisizioni sono stati trovati oltre 10 kg di marijuana suddivisa in panetti, bilancini di precisione, una pistola 7,65 con matricola abrasa e completa di caricatori, radio trasmittenti, denaro in contanti per una somma complessiva di 7.000 euro e documentazione varia. I fermati sono stati ristretti nelle case circondariali di Catania Bicocca, Siracusa, Agrigento e Milano.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook