Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: DON PUGLISI, IL GIORNO DEL RICORDO

PALERMO: DON PUGLISI, IL GIORNO DEL RICORDO

“Tante persone in cattedrale con le magliette dedicate al prete ucciso vent’anni fa dalla mafia”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Tante persone in chiesa a ricordare il sacrificio di don Puglisi ucciso dalla mafia vent’anni fa. I primi a prendere posto in cattedrale per rendere omaggio a don Pino Puglisi, il parroco di Brancaccio ucciso da Cosa nostra, anche i ragazzi di Sant’Agata di Militello in provincia di Messina. I giovani, indossavano delle magliette dedicate a don Puglisi e sono arrivati a Palermo con un Ford Transit di seconda mano denominato “Pino il pulmino”. In chiesa le parole dell’attuale parroco di Brancaccio, Maurizio Francoforte, che ha ricordato don Pino insieme con il sindaco Leoluca Orlando e Maurizio Artale, presidente del centro Padre nostro. il sacerdote ricordando il suo confratello ha evidenziato: “Siamo qui per testimoniare che la nostra terra non venga ricordata come terra di mafia, ma come un luogo che ha saputo dare dei doni come solo la terra nuova riesce a fare”, dice. In chiesa molti dei partecipanti stringevano una rosa gialla tra le mani e leggendo lettere dedicate al sacerdote.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook