Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: SPARATORIA A MONTE PO, CARABINIERI ARRESTANO 19ENNE

CATANIA: SPARATORIA A MONTE PO, CARABINIERI ARRESTANO 19ENNE

“Fermato il titolare del punto vendita della frutta in piazza Mercato nel quartiere Monte Po a Catania. I Carabinieri della Compagnia Catania Fontanarossa, dopo attente indagini sul tentato omicidio dello scorso 24 agosto a Catania hanno rintracciato il fruttivendolo che ha confessato dopo sette ore di interrogatorio. In corso ulteriori indagini finalizzate a individuare l’arma utilizzata nonché a chiarire l’esatto movente del gesto”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. I Carabinieri della Compagnia Catania Fontanarossa hanno arrestato un giovane fruttivendolo, P.D., di 19 anni, incensurato. L’accusa mossa nei suoi confronti è di avere ferito al collo, con un colpo di pistola, il pregiudicato Concetto Ventimiglia, detto Lupin, di 25 anni. I militari dell’arma lo ritengono responsabile del tentato omicidio avvenuto nel quartiere Monte Po, a Catania, il 24 agosto scorso. Gli investigatori hanno impiegato diversi giorni per rintracciare l’indagato, che al termine di un lungo interrogatorio, durato più di sette ore, ha ammesso di avere esploso il colpo di pistola in preda ad uno stato di ira scaturito da un’affermazione offensiva che Ventimiglia avrebbe rivolto all’indirizzo del padre, deceduto a luglio in un incidente d’auto.

Già i Carabinieri con i pochi elementi che avevano si erano messi a lavoro per trovare i responsabili della sparatoria. Nonostante la scarsa collaborazione di coloro che avevano potuto assistere al fatto, che nella circostanza hanno fornito versioni assai lacunose, gli investigatori, coordinati dalla Procura della Repubblica di Catania guidata dal Procuratore Giovanni Salvi, hanno percorso ogni pista investigativa possibile, non trascurando l’unico, decisivo particolare fornito dai testimoni, ovvero l’utilizzo da parte del responsabile di un furgone di colore chiaro che, in relazione alle dichiarazioni fornite, si è pensato potesse appartenere a qualche commerciante della zona. Subito la pista si è avvalorata dal fatto che un rivenditore di frutta, il cui punto vendita è ubicato non molto distante dal luogo ove era avvenuto il ferimento, non ha più riaperto l’esercizio commerciale. Inoltre, dal giorno successivo al tentato omicidio si era reso irreperibile.

I militari dell’arma hanno impiegato diversi giorni per rintracciare il ragazzo che abitava nel quartiere Nesima e risultava essere incensurato. Ieri, una volta rintracciato, grazie ad approfondite ricerche è stato identificato e condotto in caserma. Qui, solo a seguito di un lungo interrogatorio durato più di sette ore, il fruttivendolo ha ammesso di avere esploso il colpo di pistola in preda ad uno stato d’ira scaturito da un’affermazione offensiva che Ventimiglia aveva rivolto all’indirizzo del padre, deceduto a luglio in un incidente d’auto. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate ad individuare l’arma utilizzata nonché a chiarire l’esatto movente del gesto, che potrebbe riguardare il recente furto di un’autovettura di proprietà del defunto padre del ragazzo. L’aggressore è stato condotto nel carcere di Piazza Lanza a Catania, con l’accusa di tentato omicidio aggravato dai futili motivi.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook