CATANIA: PONTE GIOENI, L’OPPOSIZIONE CHIEDE LE DIMISSIONI DI BOSCO

CATANIA: PONTE GIOENI, L’OPPOSIZIONE CHIEDE LE DIMISSIONI DI BOSCO

“Il centrodestra chiede la convocazione del consiglio comunale in seduta straordinaria per mettere al corrente i cittadini sullo stato dei lavori del tratto Gioeni della Circonvallazione. Dura presa di posizione dei rappresentanti dell'opposizione in relazione all'abbattimento del ponte Gioeni realizzato senza programmazione. Il rifacimento del cavalcavia sarebbe il modo più breve e più economico per ovviare i disagi dei cittadini catanesi”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. I gruppi consiliari dell’opposizione in relazione alla demolizione del cavalcavia Gioeni e ai disagi che l’abbattimento del ponte ha provocato agli automobilisti catanesi chiedono le dimissioni immediate dell’assessore Luigi Bosco e la convocazione di un Consiglio straordinario in cui il sindaco sia presente a spiegare perché una decisione tecnica sia diventata politica. L’opposizione parla di silenzio da parte del sindaco Bianco che avrebbe caricato ogni onere all’assessore Bosco, che, ripetono, nonostante sia un tecnico, non sa dire nulla in merito alla rotatoria che sappiamo per certo essere insufficiente per un flusso quantificato in 120 mila vetture al giorno. Partono dalle carte di cui sarebbe in possesso anche l’attuale amministrazione, che saranno rese pubbliche nel corso della seduta straordinaria di Consiglio e che evidenzierebbero come un’opera strategica come il cavalcavia andasse verificata e  mantenuta. A parere delle opposizioni, le soluzioni proposte dall’amministrazione sarebbero impercorribili, come quella di spostare il Brt o quella di differenziare l’orario d’ingresso a scuola degli studenti, per alleggerire il traffico nelle ore di punta. Intanto, la città non può sostenere il traffico senza i sottopassi. Insomma – conclude provocatoriamente – converrebbe davvero rifare il ponte che costerebbe circa 1 milione e 200 mila euro. Si farebbe minor danno erariale, in 200 giorni, si potrebbe completare il tutto.

Dal canto suo Bosco risponde: “Non rispondo a questo genere di provocazioni. Credo che questi “scienziati” potrebbero dedicarsi alla politica, così come è giusto che facciano. L’opposizione ha il diritto e il dovere di esercitare le critiche, ma quando sono di tipo costruttivo. Per rispondere, comunque, sottolineo che nella delibera 101 del 2012, in cui la giunta Stancanelli proponeva il consolidamento del ponte, ha riferito che “Le opere di adeguamento della circonvallazione non sono ulteriormente differibili e ogni ulteriore indugio è foriero di danno economico e nocumento per l’amministrazione. Insomma, anche la scorsa amministrazione si è resa conto che ogni perdita di tempo avrebbe comportato un ulteriore danno, ma non è riuscita a programmare nulla”.  Quel documento, però, approvava una spesa di circa 2 milioni e 200.000 euro per il consolidamento del cavalcavia del Tondo Gioeni, che non venne mai inserita in bilancio. Bosco evidenzia come la “l’argomento” sia stato affrontato con sacrificio, come non si poteva optare per il consolidamento e come sia in fase avanzata di studio il progetto per la realizzazione del sottopasso di via Caronda, che dovrebbe essere inserito all’interno del Piano triennale delle Opere pubbliche, per cui però ancora non sono stati stanziati i fondi dalla Regione. Comunque, nonostante le chiacchiere resta alta la preoccupazione per quello che succederà lunedì con l’apertura delle scuole.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook