MUOS: CONCLUSO LO STUDIO SUL SISTEMA SATELLITARE, “A RISCHIO I BAMBINI”

MUOS: CONCLUSO LO STUDIO SUL SISTEMA SATELLITARE, “A RISCHIO I BAMBINI”

“Concluso lo studio dell'Istituto superiore di sanità sull'installazione a Niscemi Muos (sistema di comunicazioni satellitari per fini militari messo in opera nel comune siciliano), richiesto dal ministero della Salute e condotto in collaborazione con l'Organizzazione mondiale della Sanità e l'Ispra”.

Print Friendly, PDF & Email

Muos. l’Istituto superiore di sanità (Iss) al termine dello studio sul Muos(sistema di comunicazioni satellitari per fini militari messo in opera nel comune siciliano), richiesto dal ministero della Salute e condotto in collaborazione con l’Organizzazione mondiale della Sanità e l’Ispra. Raccomanda “Particolare attenzione e cautela” con la realizzazione di un “sistema di sorveglianza epidemiologica dello stato di salute delle persone residenti a Niscemi” con obiettivo di “poter rilevare eventuali variazioni di frequenza di patologie e di fornire dati tempestivi alla popolazione residente”. Lo studio riguarda la valutazione delle esposizioni della popolazione ai campi elettromagnetici collegati all’installazione delle nuove antenne nella zona. L’Iss premette che “in merito all’esposizione ai campi elettromagnetici e al profilo di salute, nella letteratura internazionale non esistono studi che abbiano fornito evidenze sufficienti per pronunciarsi in modo positivo o negativo sugli effetti sulla salute”. Inoltre, l’Istituto superiore di sanità avverte una “presenza nella popolazione di Niscemi di una componente giovanile più accentuata che nell’intera regione, richiede una particolare attenzione e cautela “. Infatti, precisa L’Iss, “secondo L’Organizzazione mondiale della Sanità “c’è un’evidenza diretta che i bambini sono più suscettibili degli adulti ad almeno alcuni cancerogeni, incluse alcune sostanze chimiche e varie forme di radiazioni “.

Sempre L’Istituto superiore di sanità evidenzia che “non sono inoltre prevedibili rischi dovuti agli effetti noti dei campi elettromagnetici, e anche nell’ipotesi poco probabile di un puntamento delle antenne paraboliche a livello del terreno, o comunque nella direzione di persone che potrebbero essere esposte al fascio principale si ritiene che tali rischi possano essere considerati trascurabili “. Lo studio conclude che le “possibili interferenze su apparecchiature elettromedicali e dispositivi medici impiantabili attivi, non sono prevedibili particolari problemi connessi alla messa in funzione delle antenne Muos”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook