Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CASTELLAMMARE DEL GOLFO (TP): PRESIDENTE CONFINDUSTRIA LOCALE DENUNCIA PIZZO, TRE ARRESTI

CASTELLAMMARE DEL GOLFO (TP): PRESIDENTE CONFINDUSTRIA LOCALE DENUNCIA PIZZO, TRE ARRESTI

“Si chiama Gregorio Bongiorno, l’imprenditore, vittima del racket. Sono finiti in carcere i tre esponenti della cosca di Castellammare del Golfo legata al boss Matteo Messina Denaro. I tre individui operavano nel settore della raccolta rifiuti ed erano già noti alle forze dell'ordine”

Print Friendly, PDF & Email

Castellammare del golfo. Nel mirino del racket, Gregorio Bongiorno, attuale presidente dell’associazione industriale di Trapani, imprenditore di Castellammare del Golfo, che opera nel settore della raccolta dei rifiuti. Bongiorno, dopo aver subito per anni le richieste estorsive di diversi esponenti della famiglia mafiosa di Castellammare del Golfo legata al boss Matteo Messina Denaro, ha denunciato tre persone che a partire dal 2005 e sino a pochi giorni fa hanno preteso il periodico versamento di ingenti somme di denaro per soddisfare i bisogni dell’associazione mafiosa. Secondo gli investigatori già nel dicembre del 2005 era stato costretto, a versare 10 mila euro a Mulè, che si era presentato quale rappresentante dei boss. Le pressioni estorsive sono proseguite fino ai giorni scorsi. Gli indagati, sono stati già tutti condannati per il loro organico inserimento nell’associazione mafiosa Cosa Nostra, a seguito di sentenza emessa dal gup di Palermo il 24 marzo 2009. Le accuse sono estorsione e tentata estorsione aggravate dalla modalità mafiosa, con queste imputazioni gli agenti della Squadra Mobile di Trapani hanno eseguito nella notte tre ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip su richiesta della Procura distrettuale antimafia di Palermo. I provvedimenti cautelari sono stati notificati a Mariano Asaro, 57 anni, ritenuto dagli inquirenti come un esponente di spicco di Cosa Nostra del Trapanese; Gaspare Mulè, 46 anni e Fausto Pennolino di 51, entrambi sorvegliati speciali. Tutti sono originari di Castellammare del Golfo.

Lo scorso agosto, dopo un periodo di calma, e a seguito dell’arresto di estorsori per fatti di mafia, l’imprenditore ha cominciato a ricevere nuove richieste di estorsione, nonché il pagamento degli arretrati (60 mila euro), in quanto la madre dell’imprenditore, Girolama Ancona, oggi deceduta, non aveva saldato alcune quote estorsive. Proprio in quel momento Bongiorno ha deciso di denunciare tutto alla polizia e raccontare tutto. Le tre persone indagate sono tutte già condannate per il loro organico inserimento in Cosa nostra, con sentenza emessa dal gup di Palermo il 24 marzo 2009 (Operazione Beton). Mariano Asaro, odontotecnico di Castellammare del Golfo (Tp), impropriamente conosciuto come “il dentista”, era stato già coinvolto nelle indagini sull’attentato al giudice Carlo Palermo, dove morirono una giovane donna e i suoi due piccoli figli. Precedentemente era stato condannato a 8 anni e mesi 4 di reclusione perché ritenuto uomo d’onore appartenente, sin dal 1982, sia a Cosa nostra siciliana sia a quella americana; ha rivestito per 10 anni (dal 1995 al 2005) il ruolo di reggente della famiglia mafiosa di Castellammare del Golfo. Anche Gaspare Mulè e Fausto Pennolino sono considerati dagli inquirenti elementi di spicco della famiglia mafiosa castellammarese. Asaro è stato raggiunto dalla misura restrittiva nel carcere di Sulmona dove si trova detenuto. Gli altri due indagati sono stati tradotti nel carcere Pagliarelli di Palermo.

Comments are closed.

Pubblicità

Trovaci su Facebook