Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: MASSACRANO A BASTONATE IL FIGLIOLETTO, ACCUSATI I GENITORI

PALERMO: MASSACRANO A BASTONATE IL FIGLIOLETTO, ACCUSATI I GENITORI

“I medici dell'ospedale Di Cristina di Palermo hanno riscontrato fratture alle braccia e alla gambe. La madre ammette davanti ai carabinieri di soffrire assieme al marito di depressione e di essere disoccupati. Il tribunale dei minori ha inserito il neonato nella lista dei bambini da adottare”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Il neonato è stato ricoverato il 14 agosto scorso in gravi condizioni. I medici dell’ospedale Di Cristina hanno accertato che il piccolo era stato vittima di maltrattamenti. Quando è stato ricoverato in ospedale con le braccia, le gambe e la testa fratturate, i genitori, avevano detto che si era ferito cadendo mentre provava gattonava. Ma i medici dell’ospedale hanno subito capito che il neonato di tre mesi era stato picchiato dai suoi genitori, adesso indagati dalla procura per tentativo di omicidio. Gli specialisti, hanno anche accertato che anche in passato il neonato sarebbe stato brutalmente picchiato. Lo dimostrerebbero le fratture ormai ricomposte accertate dagli esami radiografici. Entrambi i genitori sono stati sottoposti ad un prelievo di sangue, ma non sono risultati consumatori di alcol e droghe. Padre e madre sono da tempo disoccupati. La donna ha raccontato ai carabinieri: “Sono depressa e spesso è mio marito ad occuparsi di nostro figlio, ma anche lui soffre di depressione e forse per farlo stare zitto lo ha picchiato”. Ora, secondo quanto riporta l’edizione locale di Repubblica, marito e moglie respingono le accuse. Il piccolo è ancora ricoverato nel reparto di rianimazione con danni neurologici e rischia di perdere la vista e l’udito. Il tribunale dei minori lo ha inserito nella lista dei bambini da adottare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook