Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MARSALA (TP): TROVATO UN UOMO UCCISO NELLA SUA AUTO CRIVELLATO DI COLPI

MARSALA (TP): TROVATO UN UOMO UCCISO NELLA SUA AUTO CRIVELLATO DI COLPI

“A cadere sotto i colpi di fucile Baldassarre Marino, 67 anni, impreditore è stato trovato all'interno della sua auto morto. L’uomo era stato più volte indagato perché ritenuto vicino ad ambienti mafiosi della zona”.

Print Friendly, PDF & Email

Marsala. La Vittima si chiamava Baldassarre Marino, 67 anni, lavorava nell’edilizia. Le modalità del delitto, come pure il contesto, lasciano pochi dubbi agli investigatori: a uccidere l’uomo a fucilate, prima dell’alba, sono stati sicari della criminalità organizzata. L’uomo è stato trovato dentro la sua auto una Opel Astra bianca, che gli uomini della Mobile hanno trovato ferma davanti all’ingresso di un’officina meccanica. I dipendenti dell’officina, stamane dopo aver scoperto il cadavere hanno subito avvertito la polizia. I vetri dell’auto erano tutti in frantumi e questo fa pensare che contro Marino abbiano sparato più killer. La tesi più accreditata è quella che l’uomo sia rimasto vittima di una vera e propria esecuzione, ma si pensa che i primi colpi di arma da fuoco siano stati sparati quando era ancora fuori dalla vettura, poi ha raggiunto l’auto tentando la fuga:  ma non ha avuto il tempo di mettere in moto l’auto, quando è stato raggiunto e freddato. Gli investigatori hanno trovato il corpo crivellato di pallottole che lo hanno raggiunto al torace e alle gambe. Dai primi accertamenti effettuati dal medico legale è emerso che Marino è morto per dissanguamento a seguito di un colpo che ha tranciato l’arteria femorale. L’uomo, trovato nella propria auto in contrada Samperi a pochi km da Marsala, aveva avuto condanne per associazione mafiosa ed era stato più volte indagato perché ritenuto vicina ad ambienti mafiosi.

Marino aveva precedenti penali per fatti di droga: negli anni Novanta patteggiò una condanna a un anno e 8 mesi di reclusione, dopo le accuse di un pentito. Nel 1995 fu arrestato per coltivazione di canapa indiana e poi assolto. Negli anni Settanta un suo fratello fu eliminato con il sistema della lupara bianca. Celibe, dipendente da tempo dell’azienda di calcestruzzo “Lo Cicero” di Strasatti, contrada a poche centinaia di metri dal luogo del delitto, Marino non è ritenuto un personaggio di spicco di Cosa Nostra, tuttavia, per la squadra mobile di Trapani orbitava intorno ai clan mafiosi. Le indagini attualmente sono coordinate dal pm della Procura di Marsala, Antonella Trainito, ma già nelle prossime ore potrebbe passare alla Procura distrettuale antimafia di Palermo. Sull’auto è stata trovata una specie di corona a forma di croce fatta di tralci di vite che aveva fatto pensare a un messaggio. In realtà pare che l’uomo avesse raccolto dei rami per far mangiare qualche animale. Gli investigatori sono al lavoro e sono in corso interrogatori a parenti, amici e colleghi di lavoro. Inoltre si stanno studiando la documentazione delle inchieste giudiziarie che lo videro coinvolto.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook