Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: LA CITTÀ COMMEMORA LIBERO GRASSI UCCISO 22 ANNI FA DALLA MAFIA

PALERMO: LA CITTÀ COMMEMORA LIBERO GRASSI UCCISO 22 ANNI FA DALLA MAFIA

“Palermo commemora l’imprenditore Libero Grassi, ucciso 22 anni fa da Cosa Nostra dopo aver denunciato i suoi estortori che gli chiedevano il pizzo. La manifestazione è stata organizzata dai ragazzi di Addio Pizzo. I presidenti di Camera e Senato inviano ai familiari il loro messaggi di cordoglio. Sono diversi gli eventi organizzati dalle associazioni ‘Addiopizzo’ e ‘Libero Futuro’ per ricordare Grassi”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Ricorre oggi il ventiduesimo anniversario dell’assassinio di Libero Grassi ucciso da cosa nostra. L’imprenditore nel 1991 ebbe il coraggio di denunciare il sistema del racket mafioso, poi lasciato solo ne fu vittima. In via Alfieri, a Palermo erano presenti molte persone che hanno ricordato l’uccisione di Libero Grassi. La cerimonia, organizzata dall’associazione Addio Pizzo si è svolta silenziosamente, nel corso della quale si è ricordato il sacrificio dell’imprenditore e la sua lotta contro il racket mafioso. Messaggi di cordoglio sono arrivate ai familiari dai rappresentanti delle istituzioni.

Il presidente della Camera, Laura Boldrini ha scritto: “Libero Grassi non fu ucciso soltanto perché fu un uomo coraggioso ma soprattutto perché era un uomo solo. Libero Grassi era un imprenditore onesto che fece cose normali, come non pagare il pizzo, in un’epoca in cui certe cose normali erano da considerare eccezionali, inaccettabili. Non solo da parte di Cosa Nostra,  che non poteva tollerare un esempio così coraggioso e sfrontato, un uomo che andava dicendo pubblicamente io non pago. Le cose normali di Libero Grassi 22 anni fa erano considerate eccezionali anche da molti dei suoi colleghi imprenditori. Così intorno a lui non si creò solo indifferenza ma addirittura ostilità da parte di chi avrebbe dovuto sostenerlo e proteggerlo. Libero Grassi non fu ucciso soltanto perché fu un uomo coraggioso ma soprattutto perché era un uomo solo – aggiunge la Boldrini – La sua morte più di altre dimostra che contro lo strapotere mafioso bisogna essere uniti. Sarebbe contento oggi di vedere come la sua Palermo abbia saputo raccogliere la sua eredità con i ragazzi di Addiopizzo ma anche con la nascita di Libero futuro, la prima associazione di imprenditori e liberi professionisti che hanno detto no al pizzo La strada è ancora lunga e il pizzo continua ad essere uno dei maggiori proventi della criminalità organizzata – conclude la Boldrini – ma è innegabile che la  rivoluzione degli onesti sia cominciata, anche grazie a persone come Pina Grassi che instancabilmente in questi anni ha portato avanti la battaglia di legalità iniziata dal marito”.

Il Presidente del Senato, Pietro Grasso, scrive alla vedova Pina Maisano. “Cara Signora Pina, in occasione del ventiduesimo anniversario dell’omicidio del 29 agosto 1991 desidero rinnovare a lei e a tutti i familiari il mio commosso pensiero e sentimento di vicinanza. La memoria di suo marito è più che mai viva in me e in tutti gli uomini che, come Libero Grassi, credono nella legalità e in quel senso di dignità che non consente di abbassarsi ai ricatti mafiosi. Il sacrificio di Libero non è caduto invano – continua il Presidente del Senato – Le sue azioni e la sua nobiltà d’animo  sono divenute immortali, un punto di riferimento fondamentale per tutti coloro che ancora oggi sono oppressi dalle estorsioni, dalle minacce e dalla violenza. La mafia può essere distrutta. Dipende da noi, dalle scelte quotidiane degli imprenditori che, con coraggio e determinazione, scelgono ancora di credere nella nostra amata Sicilia, dalla capacità di ogni cittadino di fare tesoro degli insegnamenti e delle testimonianze delle tante, troppe, vittime di mafia. Il seme di dignità e coraggio lanciato da Libero con la sua testimonianza e, purtroppo, con la sua morte ha fatto nascere a Palermo una nuova cultura e una nuova generazione di giovani impegnati per il consumo critico come quelli riuniti nel Comitato Addiopizzo. Nel mio nuovo ruolo di Presidente del Senato, non cesserò mai di lottare affinché il nostro Paese possa credere fermamente in questa possibilità di riscatto – conclude il messaggio del Presidente Grasso – operando innanzitutto su quelle condizioni sociali, economiche e culturali che maggiormente favoriscono la penetrazione della criminalità organizzata”.

Il programma prevede:

La partenza alle 7.45 con la commemorazione in via Vittorio Alfieri, nella stessa strada in cui fu ucciso, a pochi metri da casa. Alle 9.30 al bar Due Palme, nell’omonima piazzetta avrà luogo una colazione di consumo critico in sostegno del titolare dell’esercizio che ha denunciato i suoi estorsori. La mattinata del ricordo si concluderà alle 11 in prefettura dove la Fai presenterà ‘Zoom sui processi al racket’ per fare il punto nella lotta al pizzo e alle estorsioni.

Nel pomeriggio, le manifestazioni in ricordo di Libero Grassi si sposteranno alla galleria d’arte moderna con il patrocinio del Comune di Palermo e dell’assessorato alla Cultura. Si inizia alle 17, con la mostra a cura di Addiopizzo ‘1861 – 2011, 150 anni di mafia e antimafia’ con visite guidate da Addiopizzo Travel e Addiopizzo Young e con l’esposizione ‘Uno straniero in casa’, di Rosaria Randazzo.

E ancora alle ore 17.30 saranno presentati diversi progetti di legalità delle associazioni Giorgio Ambrosoli, Addiopizzo, cooperativa sociale Solidaria, fondazione progetto Legalità, progetto sociale Siulp, con gli interventi dell’assessore regionale all’Istruzione Nelli Scilabra e Barbara Evola, assessore comunale alla Scuola.

A chiusura delle manifestazioni a ricordo di Libero Grassi alle 20.30 avrà luogo il dibattito intitolato ‘Ricatto Stato-mafia: la verità e’ sepolta viva?’. Saranno presenti all’evento il presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta e il giornalista Gianni Barbacetto. A conclusione, lo spettacolo teatrale ‘Stranieri familiari’ e quello musicale ‘The melody book’ di Gianni Gebbia e Diego Spitalieri.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook