Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MIGRANTI SALVATI NEL CANALE DI SICILIA

MIGRANTI SALVATI NEL CANALE DI SICILIA

“Si tratta di un gommone carico di migranti eritrei. E’ partito un SoS dal Canale di Sicilia e il piccolo natante è stato soccorso da una nave della guardia costiera”

Print Friendly, PDF & Email

Migranti. I profughi sono stati soccorsi in nottata nel Canale di Sicilia e si trovano in questo momento a bordo di un mercantile che sta facendo rotta verso il porto di Siracusa. Nel piccolo natante vi erano 99 extracomunitari, tra cui 29 donne e quattro bambini presumibilmente di origine eritrea. L’allarme è scattato alle 14.30 di ieri, quando la centrale operativa del comando generale delle capitanerie di porto ha ricevuto una richiesta di aiuto attraverso un telefono satellitare, proveniente da un gommone alla deriva nel Canale di Sicilia. Il gommone, rischiava di affondare a causa delle precarie condizioni di galleggiabilità, è stato raggiunto poco prima delle 22 da un pattugliatore della guardia costiera che ha tratto in salvo tutti gli occupanti. Ricevuto il messaggio la centrale operativa di Roma dopo avere accertato la presenza in zona della nave mercantile Cidray-Black, battente bandiera italiana, informato il comandante l’imbarcazione si è diretta per effettuare il trasbordo dei migranti. Il trasferimento dalla nave della guardia costiera sul mercantile italiano è avvenuto intorno alle 23, a circa 100 miglia da Lampedusa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook