CATANIA: SIAP DENUNCIA, IN CITTÀ POLIZIOTTI SOTTO STRESS

CATANIA: SIAP DENUNCIA, IN CITTÀ POLIZIOTTI SOTTO STRESS

Catania. Il Siap(sindacato italiano agenti di polizia) con una nota denuncia che: “I poliziotti che a Catania controllano il territorio per far fronte alla criminalità diffusa sono meno dei Vigili Urbani ma hanno molte più competenze”. I responsabili del Siap di Catania evidenziano che gli agenti delle volanti e degli uffici affrontano le emergenze programmate, divenute oramai fatti ordinari, in lavoro straordinario poi regolarmente decurtato per mancanza di fondi e - continua la nota - come gli agenti attendono ancora i pagamenti di lavoro straordinario espletato (emergenza Nord Africa) tra l'ottobre e il dicembre del 2012”. Nella comunicazione il Siap parla di un continuo stress da lavoro che non solo non rientra nei profili professionali della polizia ma che sostanzialmente non è rispettato, con conseguenze immaginabili a danno del personale. I vertici del sindacato attendono di incontrare il Prefetto per consegnare un documento con le loro rivendicazioni non più attribuibili alla questura ma di grave responsabilità ministeriale. Inoltre sottolineano come i 30 agenti promessi che arriveranno a ottobre certamente non saneranno l'enorme buco creato da anni di tagli e l'assoluta indifferenza ai problemi del territorio e dei poliziotti catanesi”. Infine, nella nota il sindacato scrive che: “Sottraendo gli agenti addetti alle vigilanze delle strutture istituzionali e alle scorte, alla polizia giudiziaria e alle competenze legate ad attività di investigazione amministrativa-informatica - afferma il segretario del Siap Tommaso Vendemmia - quelli rimasti per controllare e pattugliare la città e per tutte le emergenze 'annunciate' sono non più di 80 operatori su quattro turni, che la sera e la notte scendono a 30”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Il Siap(sindacato italiano agenti di polizia) con una nota denuncia che: “I poliziotti che a Catania controllano il territorio per far fronte alla criminalità diffusa sono meno dei Vigili Urbani ma hanno molte più competenze”. I responsabili del Siap di Catania evidenziano che gli agenti delle volanti e degli uffici affrontano le emergenze programmate, divenute oramai fatti ordinari, in lavoro straordinario poi  regolarmente decurtato per mancanza di fondi e – continua la nota – come gli agenti attendono ancora i pagamenti di lavoro straordinario espletato (emergenza Nord Africa) tra l’ottobre e il dicembre del 2012”. Nella comunicazione il Siap parla di un continuo stress da lavoro che non solo non rientra nei profili professionali della polizia ma che sostanzialmente non è rispettato, con conseguenze immaginabili a danno del personale.

I vertici del sindacato attendono di incontrare il Prefetto per consegnare un documento con le loro rivendicazioni non più attribuibili alla questura ma di grave responsabilità ministeriale. Inoltre sottolineano come i 30 agenti promessi che arriveranno a ottobre certamente non saneranno l’enorme buco creato da anni di tagli e l’assoluta indifferenza ai problemi del territorio e dei poliziotti catanesi”. Infine, nella nota il sindacato scrive che: “Sottraendo gli agenti addetti alle vigilanze delle strutture istituzionali e alle scorte, alla polizia giudiziaria e alle competenze legate ad attività di investigazione amministrativa-informatica – afferma il segretario del Siap Tommaso Vendemmia – quelli rimasti per controllare e pattugliare la città e per tutte le emergenze ‘annunciate’ sono non più di 80 operatori su quattro turni, che la sera e la notte scendono a 30”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook