Archiviato in | Politica, Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: LEGGE “ANTIPARENTOPOLI” IMPUGNATA DAL COMMISSARIO

REGIONE SICILIANA: LEGGE “ANTIPARENTOPOLI” IMPUGNATA DAL COMMISSARIO

“L'impugnativa del Commissario dello Stato, Carmelo Aronica ha cancellato le norme che estendevano le cause di incompatibilità con la carica di deputato regionale ai soci, funzionari e dipendenti delle società e degli enti di diritto privato che fruiscono di provvidenze dalla Regione o che siano dalla stessa controllati o vigilati”.

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Il decreto annunciato già alla fine del 2012 dal governo, il cui testo avrebbe finalmente eliminato speculazioni politiche nella Formazione professionale e non solo, modificato poi all’Ars. Già, molti deputati della prima commissione avevano sollevato dubbi, proprio sulla legittimità di alcune norme volute dal governo e dal parlamento siciliano. I cui esponenti avrebbero, per giorni, concordato la strada da seguire insieme al Commissario. Nonostante tutto, il parere di Aronica, pur intervenendo su appena tre commi (tutti dell’articolo 1 della legge), ha, di fatto, invalidato il testo che, nonostante le buone intenzioni, non è risultato del tutto inefficace proprio per gli obiettivi che si era posto. Infatti, sono state cassate, le norme che estendono l’incompatibilità con la carica di deputato ai funzionari e di enti in qualche modo legati alla Regione. E soprattutto, Aronica ha bocciato l’estensione dell’incompatibilità ai soci degli enti. Precisando che non sussiste alcun motivo per considerare “peculiare” la situazione della Formazione professionale siciliana. E che molte norme restrittive sono già state previste e approvate dal legislatore nazionale. Insomma, della tanto sbandierata “norma antiparentopoli” allo stato attuale non esiste più quasi nulla.

Nella dettagliata impugnativa emessa dal commissario dello Stato, si evince che la norma approvata dall’Ars il 12 agosto scorso, lede il principio dell’uguaglianza di ogni cittadino di fronte alla legge. E in particolare gli articoli 3 e 97 della Costituzione. Secondo il Commissario dello Stato la legge approvata dall’Ars scrive Aronica: “seppure apprezzabile nell’intento, non è, ad avviso del ricorrente, esente da censure. L’apprezzabile intento è quello di soddisfare le molteplici istanze di moralizzazione della politica e della vita pubblica provenienti dalla società civile, eliminando potenziali cause del condizionamento del consenso per garantire il libero esercizio del diritto di voto nonché assicurare il rispetto dei principi di imparzialità, buon andamento e trasparenza della Pubblica Amministrazione. Apprezziamo l’impegno, pare negli intendimenti del Commissario, ma le più grosse novità introdotte dal ddl, sono incostituzionali. Così la tanto sbandierata legge antiparentopoli, impugnata, è stata snaturata dai suoi fondamentali vincoli.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook