CATANIA: FESTA SANT’AGATA D’AGOSTO, LE OFFERTE DELLA MESSA AI MIGRANTI

CATANIA: FESTA SANT’AGATA D’AGOSTO, LE OFFERTE DELLA MESSA AI MIGRANTI

“Durante la conferenza stampa di questa mattina, l’arcivescovo Salvatore Gristina ha lanciato un messaggio alla città: ”Quest’anno Festività sobria, dedicata ai sei migranti morti in mare sabato. Non si può non pensare a loro”

Print Friendly, PDF & Email

Catania.  Questa mattina incontro con la stampa in occasione della ricorrenza della traslazione dei resti agatini da Costantinopoli, avvenuta, appunto, il 17 agosto 1126. Durante la riunione  Salvatore Gristina, arcivescovo metropolita di Catania ha lanciato un messaggio alla città: “Oggi è la festa di Sant’Agata, ma non viviamo isolati dall’attualità di questi giorni – quest’anno Festività sobria, dedicata ai sei migranti morti sabato in mare. Non si può non pensare a loro”. Il pensiero dell’alto prelato della chiesa catanese ricorda la morte dei sei migranti che sabato scorso hanno perso la vita a largo delle coste cittadine e ai sopravvissuti in palese difficoltà e ha inoltre evidenziato: “Il nostro dovere è di ricordarli. Quanto è accaduto ci tocca particolarmente ed è anche un argomento assai complesso che ha delle cause a monte sopra le quali si dovrebbe intervenire”.sant'agata_ostensione_reliquia

L’impegno della Chiesa catanese per i migranti sbarcati continuerà anche in occasione dei festeggiamenti agostani dedicati alla santa patrona Sant’Agata. La colletta, infatti, che stasera verrà raccolta durante celebrazione eucaristica presieduta dallo stesso vescovo, sarà destinata a loro: “Questo è il nostro modo di festeggiare sant’Agata, cogliendo l’opportunità di aiutare proprio chi in questo momento ha più bisogno. Infondo – ha concluso Gristina- quando tutto è buio, c’è sempre la fede a dar luce”. I festeggiamenti in onore di Sant’agata di agosto sono, al di la di quanto i recenti fatti di attualità ci hanno riportoto, uno dei più alti momenti di spiritualità popolari della città. Restano nella storia di Catania un frammento di folklore che quest’anno sarà improntato ad una maggiore partecipazione dei devoti, i quali saranno tutti chiamati a portare le reliquie della santa in spalla.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook