Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MUOS: PER PROTESTA SALGONO SULLE ANTENNE DELLA BASE USA

MUOS: PER PROTESTA SALGONO SULLE ANTENNE DELLA BASE USA

“Stop alle antenne radar, “viva la vita”, scrivono in una lettera aperta indirizzata al governo degli Stati Uniti e firmata anche dal famoso sociologo Chomsky. La missiva per fermare immediatamente l'installazione delle antenne radar a Niscemi. Intanto continuano le azioni degli attivisti alla vigilia della manifestazione nazionale di protesta in cui Niscemi marcerà contro il Muos. Un corteo è previsto per oggi pomeriggio. Il concentramento è in programma per le 16,30 in contrada Vituso”.

Print Friendly, PDF & Email

Muos. Questa notte, altri due attivisti sono entrati all’interno della base militare statunitense e si sono arrampicati in cima alle antenne satellitari di contrada Ulmo a Niscemi. I due si sono aggiunti agli altri sette rimasti degli otto che ieri sera avevano eluso la sorveglianza ed erano saliti in cima a quattro delle 46 antenne esistenti all’interno della base. Un manifestante è sceso in mattinata da una antenna . La zona è attualmente circondata da polizia e carabinieri. Attorno alla base, anche molti manifestanti che sostengono la protesta dei dieci attivisti. La protesta dei dieci attivisti arriva proprio nel giorno in cui Niscemi marcerà contro il Muos. Un corteo è previsto per oggi pomeriggio. Il concentramento è in programma per le 16,30 in contrada Vituso.

Intanto, ieri, venti intellettuali americani, coordinati dal sociologo Noam Chomsky, hanno chiesto al governo degli Stati Uniti di fermare immediatamente l’installazione della stazione radio Muos di Niscemi. “Il progetto Muos e la militarizzazione della Sicilia – affermano – non sono nell’interesse dei cittadini e delle cittadine americani. Condanniamo fermamente le violenze contro i manifestanti e chiediamo che il loro diritto di parola e di protesta venga rispettato. Esprimiamo la nostra piena solidarietà con la società civile siciliana in protesta contro il Muos”.

“Si sale sempre più in alto per raggiungere i sogni più belli. Una terra piena di alberi, frutti e piante curative, fiori. Recuperare i luoghi profanati dalla guerra e dall’avidità. Il Muos, le antenne spariscono dalla nostra vista, dalla nostra terra. Dipende da noi. Questo è una espressione di tenerezza, condivisione, creatività, piccoli gesti di amore – scrivono in una nota gli attivisti –  La coscienza che smette di essere complice dell’impero, del capitalismo spietato. Più tempo per vivere, cambiare la nostra vita radicalmente. Anche questo è il movimento No Muos. Oggi abbiamo l’occasione di iniziare a realizzare il sogno di un pianeta che ama la pace e combatte concretamente la guerra. Osare il passo in più, rompere le paure. Questa terra è nostra, è nostra, vogliamo liberarla dalle armi, dalla guerra e dalla devastazione ambientale. Pace, salute, terra, libertà. Per la Sicilia e per tutti i popoli della guerra”. La lettera porta la firma dei cittadini americani: Linda Alcoff (Cuny) Stanley Aronowitz (Cuny,) Richard Bernstein (New School for Social Research), Jay Bernstein (New School for Social Reasearch), Johanna Brenner (Portland State University), Robert Brenner (Ucla), Noam Chomsky (MIT), Mike Davis (UC Riverside), Kevin Floyd (Kent University), Nancy Fraser (New School for Social Research), David Graeber (London School of Economics), Michael Hardt (Duke University), Chris Hedges (The Nation Institute), Nancy Holmstrom (Rutgers University), Paul Kottman (New School for Social Research), Charles Post (Cuny), Dick Walker (UC Berkeley) e Cornel West (Union Theological Seminary).

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook