Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MALASANITÀ: MORTE DI ANTONINA E IL SUO NEONATO, SANITARI INDAGATI PER OMICIDIO COLPOSO

MALASANITÀ: MORTE DI ANTONINA E IL SUO NEONATO, SANITARI INDAGATI PER OMICIDIO COLPOSO

“Il procuratore capo di Nicosia ha ipotizzato due reati. Mentre il ministro Lorenzin ha chiesto alla Regione Siciliana una dettagliata relazione sulla tragica vicenda”.

Print Friendly, PDF & Email

Malasanità. Il procuratore capo di Nicosia, Fabio Scavone, nell’ambito dell’inchiesta sulla partoriente morta poche ore dopo aver subito un taglio cesareo per l’estrazione del feto già morto ha ipotizzato due reati: omicidio colposo e aborto colposo. Il fascicolo è stato aperto con diversi indagati, come atto dovuto propedeutico alle autopsie che si terranno domani pomeriggio sul feto e venerdì sulla donna. Sulla tragica vicenda sono stati avviati gli accertamenti dal ministero e dall’assessorato regionale alla Salute. Gli indagati risulterebbero cinque: due operatori del 118 nisseno e i componenti l’equipe che ha effettuato il cesareo sulla donna a Nicosa, due medici e un’anestesista.

Saranno due le autopsie a spiegare le cause della morte di Antonina Seminara, 40enne di Gangi in provincia di Palermo e del figlio nato già senza vita. Si svolgerà a Sciacca , ultima tappa della tragica odissea sanitaria, la prima delle due osservazioni, quella sul corpo della madre deceduta per le complicanze insorte dopo un taglio cesareo e, secondo una denuncia presentata ai carabinieri, a causa dell’indisponibilità di elisoccorso e posti di rianimazione. All’obitorio di Nicosia giovedì è prevista, invece, l’autopsia sul bimbo. Intanto i carabinieri cercano di ricostruire quanto accaduto tra domenica e lunedì notte.

Antonina Seminara, già al settimo mese di gravidanza, ha cominciato ad avere i primi sintomi intorno alle 18 di domenica. All’ospedale Basilotta di Nicosia è giunta alle 19,30 accompagnata dal marito. Immediatamente sottoposta al tracciato, i medici hanno accertato che mancava il battito del nascituro ed è stato disposto un cesareo d’urgenza. L’intervento si è concluso poco dopo le 23 ma la donna è stata colta da una grave sindrome emorragica e sono partite le richieste per l’elicottero del 118 e la ricerca di un posto in rianimazione, trovato poi all’ospedale di Sciacca. Dalle 23,30 fino all’una e dieci di lunedì la donna è rimasta sull’ambulanza in attesa dell’arrivo del mezzo di soccorso. Dopo la comunicazione che l’elisoccorso di Caltanissetta era guasto è scattata la ricerca di un altro elicottero disponibile, partito poi da Palermo. Tra l’altro l’elicottero del 118 di Palermo, giunto a Nicosia ha dovuto effettuare una serie di sorvoli perché il forte vento che spirava sulla zona ostacolava le operazioni di atterraggio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook