CATANIA: MERCATINO DELLE PULCI SI SPOSTA IN PIAZZA DANTE

CATANIA: MERCATINO DELLE PULCI SI SPOSTA IN PIAZZA DANTE

“Il mercatino delle pulci si sposterà nell’antica e storica Piazza Dante di Catania. La decisione definitiva è stata adottata dalla giunta comunale. L'assessore alle Attività Produttive Angela Mazzola in una nota ha specificato che con lo spostamento del mercatino in una delle piazze più belle e scenografiche di Catania posizionerà il centro etneo al pari con le altre città europee".

Print Friendly, PDF & Email

Catania. A partire dal primo settembre il Mercato domenicale delle pulci, come deciso in via sperimentale dalla Giunta comunale, si sposterà da Corso Martiri della Libertà in piazza Dante. Lo ha reso noto con una nota l’assessore alle Attività produttive del comune Angela Mazzola. “Spostando il mercatino – ha spiegato l’Assessore – in una delle piazze più belle e scenografiche di Catania ci metteremo al pari con le altre città europee, che ne hanno fatto dei punti d’attrazione anche turistici. Non certo l’indecoroso spettacolo offerto finora in Corso dei Martiri, tra disordine, sporcizia e abusivi. Il mercatino delle pulci sarà posizionato in un’area finalmente ordinata, pulita, bella, accattivante, con alberi e piante. Si contribuirà così alla valorizzazione del territorio comunale proponendo ai catanesi e ai turisti un’occasione di aggregazione e di ritrovo”.

L’assessore ha inoltre reso noto che saranno disponibili più di 400 posti e saranno assegnati per sorteggio. Saranno divisi in settori merceologici previsti in una mappa planimetrica,  e saranno richiesti obbligatoriamente banchi per l’esposizione degli oggetti che dovranno essere inseriti in un elenco visibile al pubblico, vidimato dall’ufficio comunale al momento del ritiro della concessione. Molte sono le categorie merceologiche tra le quali: mobili e accessori, libri, francobolli, monete, bigiotteria, ceramica, vetro, pezzi di ricambio auto e moto, informatica, musica e hi-fi, quadri, arte, pittura e scultura, opere dell’ingegno e varie. Per ottenere le autorizzazioni si dovrà partecipare al bando, di 18 articoli, già pubblicato sull’Albo pretorio e sul sito web del Comune. L’Assessorato ha deciso di suddividere gli operatori in “storici” e “giornalieri”. Avranno diritto a ottenere un’autorizzazione bimestrale, coloro i quali saranno in grado di dimostrare con i bollettini di pagamento della Cosap, l’ex Tosap, la tassa per l’occupazione del suolo pubblico, di aver esposto nel mercatino per almeno venti settimane anche non consecutive. Agli altri sarà concessa l’autorizzazione a esporre solo per la domenica successiva al venerdì in cui ne faranno richiesta.

L’occupazione abusiva del suolo pubblico comporterà, oltre alle multe fino a 500 euro, l’immediato sgombero del posteggio e il sequestro della merce. Infatti, gli espositori sono obbligati al pagamento della Cosap secondo le tariffe stabilite dall’apposito regolamento comunale ed eventualmente a una tariffa aggiuntiva per servizi resi dall’Amministrazione. A chiusura del mercatino gli espositori dovranno lasciare tutto pulito, riponendo i rifiuti negli appositi contenitori che saranno predisposti fuori dall’area espositiva. l’assessore Mazzola ha spiegato che l’ente sarà rigorosa sul pieno rispetto delle regole, dal pagamento del suolo pubblico alla pulizia, e che saranno effettuati costanti controlli perché il mercato delle pulci possa diventare un fiore all’occhiello per la città. Grande disponibilità da parte delle associazioni di categoria, che hanno dimostrato interesse a dar vita a un mercato ordinato e pulito pienamente rispettoso delle regole impartite dal regolamento.

Una risposta a “CATANIA: MERCATINO DELLE PULCI SI SPOSTA IN PIAZZA DANTE”

  1. Francesco SALMERI ha detto:

    Mi auguro che tale scelta sia solo il primo passo per una riqualificazione permanente della piazza ed in genere del quartiere.
    I buoni propositi sulla piazza risalgono al periodo della prima sindacatura Bianco ma rimasero lettera morta.
    Oggi mi aspetto che si parli della zona con tutti i suoi problemi vecchi e nuovi tenendo da parte preconcetti “antichi” sul quartiere e timori “attuali”.Questo è il pensiero di chi ha contribuito personalmente ed a proprie spese a riportare nella piazza attività culturalmente riqualificanti a scapito magari di altri facili guadagni.

Trackbacks/Pingbacks


Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook