Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CALDO, BOLLINO ROSSO. DOMANI AFA A CATANIA E MESSINA

CALDO, BOLLINO ROSSO. DOMANI AFA A CATANIA E MESSINA

“Le previsioni meteo annunciano ondate di afa rovente in sedici città italiane. Il Codacons lancia l'allarme anziani e chiede un coinvolgimento dei medici di base per non intasare i pronto soccorsi”.

Print Friendly, PDF & Email

Caldo, bollino rosso. L’afa continua imperterrita. Nelle prossime ore il caldo aumenterà d’intensità. Domani saranno 16 le città interessate all’ondata di calore preannunciata dai metereologi, che indica condizioni di emergenza con possibili effetti negativi anche sulla salute di persone sane e attive. Le città contrassegnate con il bollino rosso saranno: Ancona, Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Napoli, Perugia, Rieti, Roma, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo. A comunicarlo è l’ultimo aggiornamento del bollettino del ministero della Salute sulle ondate di calore. Inoltre, il sistema nazionale di previsione allarme prevede per domani, oltre alle 16 città indicate , anche altre 9 città che sono chiamate a mantenere una fase di preallarme e precisamente: Bari, Cagliari, Catania, Civitavecchia, Genova, Messina, Milano, Pescara, Reggio Calabria, alle quali è stato attribuito il bollino giallo, un livello di pre-allerta che indica condizioni meteorologiche che possono precedere il verificarsi di un’ondata di calore. Il Codacons chiede di estendere il sistema di previsione e allarme per far fronte alle ondate di calore a tutti i capoluoghi di provincia.

L’associazione dei consumatori lancia l’allarme anziani, i soggetti più in pericolo, specie se abbandonati a se stessi, e chiede un maggior coinvolgimento dei medici di base. In una nota i tecnici del codacons spiegano che: “..non basta attivare il solito numero gratuito nazionale, comunicare le previsioni del tempo o riciclare i vecchi ed arcinoti opuscoli sul caldo. le Anagrafi della suscettibilità, che dovrebbero censire le persone più sensibili all’aumento delle temperature, andrebbero fatte in tutti i comuni e, per non essere un elenco troppo generico e vasto, con un maggior coinvolgimento dei medici di base”, infatti, secondo l’associazione dei consumatori i medici di famiglia, per evitare ai loro pazienti ore di attese estenuanti e il boom di accessi al pronto soccorso. in caso di bollino rosso con allerta al massimo livello dovrebbero “recarsi a visitare i loro pazienti più a rischio, anche se non chiamati per evitare uno scavalcamento della prima linea del Servizio sanitario nazionale, quella appunto dei medici di base che, teoricamente, dovrebbero fare da filtro alle chiamate al 118”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook