Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

INCIDENTE SU PARASAIL: GIOVANE PALERMITANA MUORE CADENDO IN MARE

INCIDENTE SU PARASAIL: GIOVANE PALERMITANA MUORE CADENDO IN MARE

“Una giovane ragazza palermitana di 23 anni, Giulia Foresta, è morta ieri pomeriggio a Bol, in Croazia. La ragazza, si trovava in Croazia con le amiche per trascorrere le vacanze estive, è deceduta a seguito di un grave incidente in mare. Secondo una prima ricostruzione, le compagne di viaggio avevano deciso di provare il parasailing, un paracadute attaccato a un'imbarcazione”

Print Friendly, PDF & Email

Incidente su parasail. La disgrazia è avvenuta giovedì pomeriggio a Bol, sull’isola croata di Brac. lo spirito d’avventura avevano mosso Giulia Foresta e le sue quattro amiche del cuore a fare un’esperienza nuova. I cartelli disseminati lungo il tratto della costa con la dicitura ‘parasailing’ infatti raffiguravano alcuni giovani in aria con un piccolo paracadute trascinato da un motoscafo. Questa un’attività sportiva molto praticata nelle zone balneari della costa, che Giulia e le altre ragazze, volevano imparare.

Avevano intenzione di provare emozioni di volo cavalcando il vento. Adesso è soltanto dolore. La cintura che avrebbe dovuto mantenere sospesa Giulia si sarebbe all’improvviso sganciata ed è caduta giù. Per Giulia non c’è stato nulla da fare. Secondo le informazioni pubblicate sui giornali croati, sarebbero stati due i membri dell’equipaggio sul motoscafo che trainava le due ragazze. Il pm ha disposto un sopralluogo sul luogo della tragedia, in modo da ricostruire con esattezza le fasi dell’incidente che è costato la vita alla giovane. Sempre alcuni giornali croati riportano che il proprietario del motoscafo sarebbe stato arrestato. La polizia croata sta ricostruendo la dinamica dell’incidente: non è ancora chiaro se la cintura di sicurezza fosse perfettamente inserita; sta di fatto che la giovane è caduta in mare da un’altezza di dieci metri ed è morta sul colpo.

Secondo quanto appurato fin ora, la causa potrebbe essere stata lo sganciamento della cintura di sicurezza che manteneva salde le due giovani. Poi, si sarebbero verificate diverse rotazioni in aria, fino alla caduta in mare e la disperata corsa in ospedale dove i medici hanno appurato la morte avvenuta di Giulia. Le indagini sono quindi in corso e dovranno accertare le eventuali responsabilità di coloro che guidavano la piccola imbarcazione. C’è chi non crede a quanto ha letto, chi ne è pienamente consapevole e spera solo di poter dare l’ultimo saluto a Giulia, che studiava Giurisprudenza a Palermo dopo essersi diplomata al liceo classico Meli. Quella in Croazia doveva essere una vacanza serena e divertente. Poi, Giulia avrebbe dovuto raggiungere Lampedusa, dove l’aspettava Walter, il suo ragazzo. Sulla sua pagina di Facebook, la scritta di una sua amica: “Eri tutto, eri mille cose. Non dimenticheremo mai il tuo sorriso e la tua capacità di stare al mondo, di rendere felice chiunque ti stesse accanto”. Non appena saranno espletate le indagini del caso, la salma sarà trasferita a Palermo per il funerale e la tumulazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook