Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AGRIGENTO: MUORE PER UNA TRASFUSIONE, MINISTERO ALLA SALUTE CONDANNATO A RISARCIRE GLI EREDI

AGRIGENTO: MUORE PER UNA TRASFUSIONE, MINISTERO ALLA SALUTE CONDANNATO A RISARCIRE GLI EREDI

“Dopo la sentenza del tribunale di Palermo il ministero della salute liquida il danno con 907.000 euro agli eredi di una donna di Agrigento che contrasse l'epatite C a causa di una trasfusione di sangue infetto e morì poi per una cirrosi epatica”.

Print Friendly, PDF & Email

Agrigento. Il Ministero della Salute è stato condannato a risarcire 907mila euro agli eredi di una donna di Agrigento che contrasse epatite C a causa di una trasfusione di sangue infetto e morì poi per una cirrosi epatica, questo lo hanno stabilito i giudici della terza sezione civile del Tribunale di Palermo. Gli eredi della donna avevano intrapreso una causa civile contro gli autori del grave errore sanitario. La trasfusione fu effettuata nel 1985 nell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento. Dopo il grave episodio di malasanità i familiari della donna hanno citato il Ministero della Salute, ritenuto responsabile di non avere adeguatamente vigilato sulla raccolta e sulla distribuzione del sangue e degli emoderivati da destinare alle trasfusioni. Il Ministero, assistito dall’Avvocatura di Stato, si è difeso sostenendo che all’epoca della trasfusione il virus dell’epatite C non era stato ancora classificato; dunque, non essendo ancora conosciuto dalla Comunità Scientifica non sarebbe stato possibile prevenirne la diffusione. Il Tribunale di Palermo ha invece accolto la tesi sostenuta dai legali degli eredi, gli avvocati Angelo Farruggia e Annalisa Russello del Foro di Agrigento.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook