Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CATANIA: TONDO GIOENI, VIA LIBERA ALLA MODIFICA

CATANIA: TONDO GIOENI, VIA LIBERA ALLA MODIFICA

“Il sindaco Bianco, parla di una scelta obbligata mentre l’assessore Bosco rimarca l’impellenza di preservare le vie di fuga in caso di necessità. Mentre Venerdì prossimo è stato convocato un vertice a Palazzo degli Elefanti per stabilire la tempistica dei lavori, previsti per Ferragosto.”

Print Friendly, PDF & Email

Ormai è definitiva la decisione degli esperti comunali di abbattere il cavalcavia del Tondo Gioeni. La giunta comunale ha deciso che il rischio sismico è elevatissimo la struttura non può essere tenuta in piedi. Venerdì prossimo una conferenza dei servizi deciderà la tempistica dell’operazione prevista nei giorni di ferragosto. Il sindaco di Catania Enzo Bianco ha motivato la scelta operata della sua giunta, che si è riunita nel pomeriggio, scegliendo di procedere con l’abbattimento del cavalcavia del Tondo Gioeni. “La scelta è obbligata – ribadisce il primo cittadino – la situazione di rischio sismico in cui si trova Catania, ma anche le condizioni di degrado dell’opera e, non ultimo, il costo per una eventuale sistemazione, in questo momento, viste le condizioni economiche in cui si trova, la città non si potrebbe permettere”. Il caso che riguarda il cavalcavia del Tondo Gioeni è particolarmente complesso. Infatti, la storia inizia da quando la Protezione civile aveva finanziato l’abbattimento dello stesso nell’ambito di un più ampio appalto, mai del tutto portato a termine dalla ditta aggiudicataria perché l’Amministrazione Stancanelli aveva deciso, il 19 luglio del 2012, sulla base di proprie valutazioni, di procedere al consolidamento del cavalcavia. La decisione presa dalla passata amministrazione avrebbe però portato a un aggravio della spesa di oltre 2 milioni e 100 mila euro, completamente a carico del Comune di Catania perché la Protezione civile non era disposta a pagare per lavori non conformi al progetto iniziale.

La Giunta Municipale, in una riunione preparatoria che si era svolta il 16 luglio scorso – aveva messo sul tavolo tutti gli elementi legati al rischio sismico e alla sicurezza in generale rispetto all’opera. Inoltre si era pronunciata a favore dell’abbattimento del cavalcavia. Questa soluzione, infatti, avrebbe comportato lavori più rapidi e dunque un impatto limitato nel tempo sulla mobilità cittadina rispetto alle operazioni di consolidamento, che avrebbero bloccato la Circonvallazione per diversi mesi. Come si era prospettato dalle successive riunioni, come quella di ieri,  la ristrutturazione del cavalcavia non avrebbe risolto i problemi di circolazione correlati alla presenza di intersezioni e strettoie causati dalla struttura all’assetto viario. Valutata la questione sotto ogni profilo, la Giunta ha preso la decisione a favore dell’abbattimento. È stato stabilito anche di attivare azioni di informazione e sensibilizzazione dei cittadini, con avvisi mirati in particolare ai residenti dell’area del cavalcavia.

L’assessore ai Lavori pubblici Luigi Bosco ha rafforzato la tesi del sindaco che, in caso di un terremoto importante, il cavalcavia “potrebbe subire seri danni creando problemi alla pubblica incolumità e alla circolazione sulla Circonvallazione: Catania ha bisogno invece, per preservare una delle principali vie di fuga per lo sgombero e l’arrivo dei soccorsi, di uno svincolo a raso, ben più sicuro dal punto di vista sismico”. Comunque,  la tempistica dell’operazione sarà definita venerdì prossimo nel corso di una Conferenza dei servizi. Per ridurre al minimo l’impatto sulla città e i disagi per i cittadini, l’operazione potrebbe partire nel periodo di ferragosto. Alla prossima Conferenza dei servizi prenderanno parte sindaco e assessori, tecnici comunali, polizia municipale, la ditta appaltatrice, rappresentanti della Prefettura, delle Forze dell’ordine e dei Vigili del fuoco. Dovranno infatti essere predisposti due piani di circolazione: uno per i giorni della chiusura del tratto della circonvallazione attraversato dal cavalcavia, uno per il periodo in cui sarà possibile invece utilizzare anche una sola corsia dell’arteria.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook