Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO COMMEMORA IL MAGISTRATO ROCCO CHINNICI

PALERMO COMMEMORA IL MAGISTRATO ROCCO CHINNICI

“Per il trentesimo anniversario dell'uccisione del giudice Rocco Chinnici assassinato assieme ai carabinieri Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta e al portiere dello stabile Stefano Li Sacchi, il ministro della Giustizia Cancellieri a Palermo ha deposto una corona di fiori in via Federico Pipitone”.

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. Trentesimo anniversario dell’uccisione del giudice Rocco Chinnici. Il ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri ha deposto una corona di fiori in via Pipitone Federico, a Palermo, dove nel 1983 fu ucciso il magistrato, assieme ai carabinieri Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta e al portiere dello stabile Stefano Li Sacchi. Alla cerimonia erano presenti anche il questore Nicola Zito, il procuratore di Palermo Francesco Messineo, il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, il presidente dell’Anm Rodolfo Sabelli. Presente anche il ministro della Pubblica amministrazione Gianpiero D’Alia. La Cancellieri ha onorato Chinnici con parole di elogio e ammirazione: “È un ricordo di una persona che ha sacrificato la propria vita coscientemente perché sapeva il rischio a cui andava incontro e aveva chiarissimo il tipo di pericolo a cui si esponeva – ha detto la Cancellieri -. Però è un uomo che ha dato tutto se stesso per il Paese, ma non lo ha fatto invano. La sua morte ha segnato un momento importante, ma soprattutto ha lasciato un modo di contrastare la mafia che è molto utile, quindi ricordiamo un eroe perché tale è”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook