CATANIA: CHIUDE L’HELP CENTER, PERÒ LA MENSA SARÀ ASSICURATA

CATANIA: CHIUDE L’HELP CENTER, PERÒ LA MENSA SARÀ ASSICURATA

“La Caritas diocesana chiuderà per un mese, creando un emergenza sociale non indifferente. Intanto nel summit di stamane per continuare il servizio mensa ai poveri, alcune associazioni hanno dato la loro disponibilità, queste sono: la Comunità di Sant'Egidio, l'Associazione Famiglie il Sentiero, la Ronda dell'Amicizia e la Siro”. Don Francesco vice responsabile della Caritas diocesana di Catania spiega che sono costretti a chiudere per problemi igienico-sanitari, mentre l'assessore Trojano incontra le associazioni e i religiosi prendendo tempo fino a Giovedì per avere un quadro più chiaro”.

Print Friendly, PDF & Email

Emergenza sociale a Catania. Tenuto un incontro a Palazzo degli Elefanti per risolvere e regolare le emergenze legate al terzo settore, come ad esempio la chiusura del centro aiuto della Caritas diocesana nel mese di agosto. L’Help Center diocesano, ubicato nei pressi della stazione centrale di Catania, chiuderà i battenti per ristrutturazione dal 5 agosto al 1 settembre. La comunicazione arriva con un cartello posto proprio in queste ore all’ingresso della sede. Il centro è un importantissimo punto di riferimento per senzatetto e indigenti nella città. Il centro diurno della Caritas a Catania è un organismo dell’arcidiocesi finanziato con i fondi dell’8xmille. Esso fornisce quotidianamente le docce, i posti letto e soprattutto circa 200 pasti (140 in sala e 60 consegnati dai volontari delle unità di strada) distribuiti ogni giorno alle 19 ai senza fissa dimora. Mentre i volontari si attrezzano per trovare luoghi alternativi dove preparare i pasti, i religiosi si sono adoperati per risolvere l’emergenza pulizia e alloggio. Per l’occasione stamane è stata indetta una riunione alla quale erano presenti il sindaco di Catania, Enzo Bianco, l’assessore al Welfare, Fiorentino Trojano e i rappresentanti di quindici associazioni di volontariato impegnate nel sociale.

In relazione all’urgenza di sopperire al centro della Caritas per un mese, alcune  associazioni  hanno dato la loro disponibilità per contribuire ad assicurare comunque un servizio di mensa per i poveri: Comunità di Sant’Egidio, Associazione Famiglie il Sentiero, La Ronda dell’Amicizia e la Siro. Le modalità saranno concordate giovedì prossimo. Intanto è stato avviato un confronto per coordinare un’azione congiunta per altri interventi sulle emergenze sociali a partire da quella che riguardano i rom, e i problemi del vecchio quartiere San Berillo Vecchio.

Per quanto riguarda le mense, la Caritas si appoggerà prevalentemente al centro delle suore di Madre Teresa di Calcutta e in alternativa alla parrocchia del Santissimo Sacramento ritrovato di via VI aprile. Docce e servizi igienici saranno in via di San Giuliano, i dormitori saranno dislocati in strutture già utilizzate in diverse parti nel centro storico. Per questo don Francesco fa appello a tutti i catanesi: “Ciò che ci interessa sono soprattutto i pasti, non vorremmo mai che qualcuno rimanesse senza mangiare anche per un solo giorno. Per questo chiunque voglia aiutarci, fino al 2 agosto, può venirci a trovare dalle 8.30 alle12 all’Help Center in piazza Giovanni XXIII angolo viale Africa oppure telefonare al numero 095.530126 per partecipare e dare la propria disponibilità a supporto della Caritas e dell’attività di volontariato”.

Durante l’incontro, il sindaco Bianco ha proposto la creazione di una Casa del volontariato, ma anche una consulta stabile, da istituire in settembre, che si riunirà ogni mese, rappresenterà un organismo di organizzazione territoriale e di cui faranno parte le associazioni, oltre ai rappresentanti dell’amministrazione. proposta cui è seguita quella dell’assessore Trojano di creare diverse consulte specifiche che avranno come punto di riferimento i Centri territoriali del Comune nelle varie circoscrizioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook