MUOS: ATTIVISTI OCCUPANO A OLTRANZA IL MUNICIPIO DI NISCEMI

MUOS: ATTIVISTI OCCUPANO A OLTRANZA IL MUNICIPIO DI NISCEMI

“I manifestanti ‘No muos’ protestano per il secondo giorno consecutivo nell'aula consiliare del Comune di Niscemi. Gli attivisti contestano la revoca da parte della Regione dello stop al cantiere che di fatto autorizza la continuazione dei lavori nella base americana in contrada Ulmo. Intanto durante la notte sono state tagliate le reti di recinzione che delimitano la base militare Usa”.

Print Friendly, PDF & Email

Muos. La decisione di ritirare i provvedimenti di blocco dei lavori da parte della Regione Siciliana ha fatto venir meno i temi del contendere e ha neutralizzato i ricorsi amministrativi pendenti. Quindi, continua al palazzo comunale di Niscemi l’occupazione pacifica dell’aula consiliare da parte degli attivisti “No Muos” per protestare contro la decisione della Regione Siciliana di revocare i provvedimenti che bloccavano le autorizzazioni per la realizzazione dell’impianto di radiocomunicazione militare Usa nel sughereto di Niscemi in contrada Ulmo. Nell’aula consiliare del Municipio i manifestanti, in segno di dissenso con il presidente Rosario Crocetta, hanno esposto nello posto riservato al presidente del consiglio comunale uno striscione con la scritta “Revochiamo Crocetta”. Sulla facciata del Municipio è stato esposto un lenzuolo bianco con su scritto: “Comune occupato” che comunica la protesta in corso.

Secondo quanto spiegato dai legali dei comitati No Muos ”i lavori non potrebbero riprendere e l’apertura del cantiere sarebbe abusiva – aggiungono – perché, l’autorizzazione paesaggistica è scaduta il 18 giugno e se la marina statunitense volesse riprendere i lavori dovrebbe ottenerne un’altra”. Non sono previsti presidi nella zona della base militare statunitense, dove, ufficialmente, i lavori sono ancora fermi. L’area in questione, è costantemente controllata dalla polizia e al momento non si registrano blocchi e manifestazioni. Nel frattempo le forze dell’ordine, durante un sopralluogo si sono accorti che sono stati recisi quasi dieci metri di rete che delimita la zona dove è ubicata la base della Marina militare Usa.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook