PATTO STABILITÀ ENTI LOCALI: CORTE REVOCA SANZIONI AI COMUNI SICILIANI INADEMPIENTI

PATTO STABILITÀ ENTI LOCALI: CORTE REVOCA SANZIONI AI COMUNI SICILIANI INADEMPIENTI

“La Corte Costituzionale con la sentenza 219 emessa ieri, ha stabilito che i comuni siciliani che non rispettano il patto di stabilità non possono essere oggetto di sanzioni da parte della Corte dei Conti”.

Print Friendly, PDF & Email

Patto di stabilità dei comuni siciliani. La sentenza 219 della corte Costituzionale stabilisce che le norme adottate dal governo Monti sul patto di stabilità non possono essere applicate ai comuni delle regioni a Statuto Speciale. La decisione della Corte viene emessa quando i primi provvedimenti sono già partiti per comuni importanti come Cefalù e Milazzo. Se il primo ha deciso di fare ricorso, il secondo aveva accettato la dichiarazione dello stato di dissesto e non è chiaro come, adesso, si possa tornare indietro. Con ampia enfasi giunge il primo commento dell’Associazione dei Comuni di Sicilia che attraverso Paolo Amenta vicepresidente vicario e Mario Emanuele Alvano segretario generale dell’AnciSicilia commentano: “Con grande soddisfazione prendiamo atto della sentenza (n.219/2013) con cui la Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima l’applicazione delle sanzioni economiche sul mancato rispetto del patto di stabilità per le regioni a Statuto Speciale. E’ anche merito della nostra Associazione, promotrice del ricorso, se si è giunti a questo importante risultato per una regione, come la nostra, le cui esigenze di andare oltre i vincoli attuali sono dettate da necessità urgenti – inoltre, gli amministratori aggiungono – La sentenza, dunque, non solo ha respinto il ricorso della Presidenza del Consiglio dei Ministri contro l’inapplicabilità della sanzione, ma apre uno spiraglio per quei comuni che avevano a suo tempo intentato il ricorso e che potrebbero recuperare i fondi tagliati per evitare il tracollo”. Ora è in fase di studio come provvedere alle difficoltà create dal pronunciamento della Corte.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook