Archiviato in | Cronaca Regionale, Tennis, Turismo

REGIONE SICILIANA: SUSSIDI PAGATI A EX LAVORATORI IN CARCERE

REGIONE SICILIANA: SUSSIDI PAGATI A EX LAVORATORI IN CARCERE

“Il presidente della provincia Rosario Crocetta denuncia che mille euro al mese venivano erogati a precari detenuti. Poi aggiunge “c'è chi ha incassato 100 mila euro indebitamente. Ma ora recupereremo le somme". Il presidente ha annunciato che "queste persone verranno cancellate dagli elenchi, denunciate all'autorità giudiziaria e agiremo per recuperare le somme”.

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Il presidente Rosario Crocetta durante una conferenza stampa a Palazzo d’Orleans ha annunciato provvedimenti urgenti sulla “moralizzazione della vita pubblica”. La Regione Siciliana ha pagato sussidi di mille euro al mese a precari che non lavorano ma erano detenuti in carcere o entravano e uscivano dai penitenziari. La questione è rivolta ad alcuni precari del cosiddetto bacino degli ex Pip (piani d’inserimento professionali) inquadrati nella Onlus Social Trinacria, che hanno protestato nelle scorse settimane anche con manifestazioni violente per le vie della città. Crocetta spiega ai cronisti che vi è “un pozzo di San Patrizio del malaffare. Questi costano circa 50 euro all’anno ciascuno. Pensate al risparmio per la Regione se eliminiamo questi fondi non dovuti”. Nell’elenco fornito dal presidente della Regione ci sono ex pip detenuti anche dal 2010, che quindi hanno incassato più di 100 mila euro indebitamente.

Il presidente ha annunciato che le persone in questione saranno cancellate dagli elenchi, denunciate all’autorità giudiziaria e l’ente agirà per recuperare le somme erogate. Poi aggiunge: “ringrazio la procura e la questura di Palermo, quando si opera insieme si può fare velocemente. Per molto meno sono stati sciolti comuni in Calabria: dare soldi a mafiosi o comunque a detenuti è assurdo. Bisogna fare chiarezza su questo. Oltre questo elenco, ci sono altri casi che stiamo accertando. Non c’è nessuno che controlla. su questo fronte, come su altri, abbiamo lavorato con la magistratura. In questo caso non c’è stato alcun esposto. Tutto nasce dal nostro fiuto sbirresco. Chi è stato messo in carcere doveva chiedere la sospensione della sovvenzione e invece in Sicilia funziona così”. Il presidente Crocetta specifica: “Se vi dico che 48 lavoratori ex Pip sono in carcere invece di lavorare? E che nonostante questi entrassero e uscissero dal carcere non veniva tolto loro il sussidio? Tra queste persone c’è anche qualcuno accusato di 416 bis o favoreggiamento semplice. Il 70% è in carcere per mafia, poi ci sono altri cento casi finiti sotto la nostra lente di ingrandimento e su cui faremo ulteriori accertamenti”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook