Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GELA (CL): SEQUESTRATI 25MLN A IMPRENDITORE COLLUSO CON LA MAFIA LOCALE

GELA (CL): SEQUESTRATI 25MLN A IMPRENDITORE COLLUSO CON LA MAFIA LOCALE

“L’imprenditore si chiama Sandro Missuto, 34 anni è indiziato di essere un affiliato del clan mafioso Emmanuello. Gli sono stati confiscati beni per 25 milioni di euro. Il provvedimento di confisca è stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Caltanissetta”.

Print Friendly, PDF & Email

Gela. Confiscati all’imprenditore Sandro Missuto, 34 anni, indiziato di essere un affiliato al clan mafioso Emmanuello di Gela, beni per 25 milioni di euro, due imprese di costruzioni e relativi macchinari. Le due società confiscate si occupano di produzione, trasporto e fornitura di calcestruzzo, demolizione di edifici e movimento terra. Le indagini della Dia hanno messo in luce un ‘rapporto strategico’ di Missuto con la mafia gelese. Missuto aveva allargato la propria influenza nella struttura di vertice della mafia di Gela alla morte del capoclan Daniele Emmanuello. Il boss era stato ucciso dalla polizia nel 2007 che lo aveva intercettato in un covo nelle campagne vicino a Enna.

Erano seguiti vari arresti. Oltre alle imprese Icam srl e Igm srl, la Dia ha confiscato a Missuto, già da tempo sottoposto per tre anni all’obbligo di soggiorno, un fabbricato di cinque piani, un appartamento, due terreni, due conti bancari e 63 mezzi tra cui autocarri, escavatori, betoniere, auto, pale meccaniche e furgoni. Nel 2009 era stato arrestato nell’ambito di due operazioni, dalle quali è emerso che il giovane imprenditore era riuscito ad aggiudicarsi numerosi subappalti e contratti di nolo. L’uomo sarebbe stato anche un esattore del pizzo. Si sarebbe personalmente occupato della ‘messa a posto’ di alcune imprese appaltatrici.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook