Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COMISO (RG): NON GLI DAVA SOLDI E UCCIDE IL PATRIGNO CIECO

COMISO (RG): NON GLI DAVA SOLDI E UCCIDE IL PATRIGNO CIECO

“Mirko Bottari, 21anni ha ucciso il patrigno cieco Vincenzo Arcidiacono, 63 anni dandogli fuoco. Il corpo bruciato è stato ritrovato nella sua stanza da letto. Lo avrebbe trucidato dopo una furiosa lite perché non gli dava soldi. Dopo la tragedia il presunto omicida si è consegnato alla polizia con delle bruciature a gambe e mani”.

Print Friendly, PDF & Email

Comiso. Il parricida si chiama Mirko Bottari, 21anni disoccupato, ha ucciso il padre dandogli fuoco. E’ accaduto nel pomeriggio in via Girlando a Comiso in provincia di Ragusa. La vittima è Vincenzo Arcidiacono, 63 anni, non vedente, era centralinista all’ospedale di Comiso ed era il patrigno e non il padre naturale del giovane. Gli agenti di polizia hanno trovato il suo corpo bruciato nella stanza da letto della sua abitazione mentre la camera era ancora in fiamme. Le forze dell’ordine sono state avvertiti dallo stesso autore dell’omicidio. Egli si è presentato negli uffici della polizia con bruciature alle mani e gambe. Ormai da tempo i rapporti tra la vittima e il presunto assassino si erano deteriorati a causa di continui litigi. L’ultimo sarebbe avvenuto nel pomeriggio.

Si presume che al termine del furioso litigio, avrebbe ucciso il patrigno perché non gli assicurava un ritorno costante di denaro. Sino a tarda sera il giovane è stato sottoposto a interrogatorio dal sostituto procuratore della Repubblica di Ragusa, Federica Messina. Secondo la ricostruzione del magistrato: “Il giovane durante l’interrogatorio ha confermato di aver agito perché il padre si era rifiutato di dargli dei soldi il giorno prima. È un caso molto complesso che presenta diverse sfaccettature e il delitto è maturato nell’ambito di una situazione familiare molto difficile, aggravata dalla disoccupazione del giovane e dalla sua continua richiesta di denaro”. Il fermo di Bottari, per omicidio, sarà al vaglio del gip di Ragusa, che dopo l’interrogatorio di garanzia dovrà decidere sulla convalida del provvedimento restrittivo. Da due mesi Bottari non viveva più con il patrigno nella casa di via Girlando che il Comune aveva assegnato diversi anni fa a Vincenzo Arcidiacono. Il giovane era stato cacciato di casa a causa dei continui litigi con l’uomo ed era stato finora ospitato da amici. Arcidiacono era molto conosciuto nell’ambiente di lavoro e la tragedia ha suscitato sgomento tra i dipendenti che lo consideravano un uomo buono, generoso e disponibile, punto di riferimento per qualsiasi informazione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook