Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SIRACUSA: MIGRANTI SBARCANO VICINO LA CITTÀ

SIRACUSA: MIGRANTI SBARCANO VICINO LA CITTÀ

“Sono 63 gli extracomunitari presumibilmente siriani abbandonati sotto costa in contrada Isola da due scafisti che subito dopo si sono dileguati. Una parte hanno chiesto aiuto alla gente del luogo, mentre gli altri sono fuggiti nelle campagne del siracusano”.

Print Friendly, PDF & Email

Siracusa. Sono sbarcati, intorno alla mezzanotte, a Siracusa, in contrada Isola 63 migranti tra cui 11 donne e 22 minori., i migranti, probabilmente siriani, alla polizia hanno raccontato di avere navigato su un barcone di circa 28 metri e di essere stati abbandonati sotto costa da due scafisti, che si sono poi dileguati con la stessa imbarcazione. Dopo lo sbarco, i 63 migranti hanno bussato alle porte di alcune villette della zona per chiedere aiuto. Sono stati i residenti, dopo i primi soccorsi, ad avvertire le autorità della vicenda. Una buona parte dei migranti ha atteso l’arrivo delle forze dell’ordine, alcuni invece sono fuggiti nelle campagne limitrofe ma sono stati rintracciati subito dopo. Le persone, dopo i controlli sanitari e le procedure di identificazione, saranno trasferiti nell’ex istituto ‘Umberto I’ adibito a centro di accoglienza temporaneo, che è comunque saturo. Sono più di 300 gli extracomunitari giunti negli ultimi giorni. La Guardia costiera perlustra la zona di mare alla ricerca dei natanti e degli scafisti.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook