PALERMO: FESTINO, CURIA BIASIMA L’ORGANIZZAZIONE DEL COMUNE

PALERMO: FESTINO, CURIA BIASIMA L’ORGANIZZAZIONE DEL COMUNE

“Il segretario dell'arcivescovo Romeo ha tuonato contro i loghi omosessuali proiettati sul portico della Cattedrale durante il Festino di Santa Rosalia esprimendo disapprovazione e sconcerto anche per i simboli orgiastici riprodotti sulla barca. Inoltre ha fatto cenno ad una vergognosa strumentalizzazione dei bambini durante la festa. Il sindaco ha risposto: "Abbiamo solo raccontato le diversità cittadine"

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. La curia di Palermo attacca duramente il comune sull’organizzazione del Festino di Santa Rosalia, ad esprimere il giudizio il segretario dell’arcivescovo Paolo Romeo. A scatenare il biasimo della curia sono le immagini del Gay pride e i loghi omosessuali proiettati ieri sera sulla facciata della cattedrale, davanti a migliaia di fedeli accorsi alla festa religiosa. Don Fabrizio Moscato scrive: “Vergogna! Stiamo toccando il fondo e si riferisce a una ideologia omosessualista proiettata sul nobile portico meridionale della cattedrale di Palermo in occasione del Festino della patrona Rosalia”. E poi si scaglia contro i “simboli del Gay pride e delle unioni omosessuali accostati a un neonato… Il carro fatto passare a Porta Felice da un cancello con motivi orgiastici…”.

E ancora don Moscato Sul suo profilo Facebook ha pubblicato una serie di foto che ha scattato una serie di foto dove si scorgono le immagini proiettate sul portico della cattedrale come il logo del Pride e i loghi delle unioni omosessuali. Il sacerdote ha anche notato che il carro della Santuzza, entrato nel sagrato della cattedrale, era ornato con figure orgiastiche. E sempre su Facebook pone degli interrogativi: “Ma chi può convincermi che è tutto normale? Ma chi può avere argomenti che difendano un vero e proprio insulto alla nobiltà della fede che la Santuzza e anche la cattedrale rappresenta? Chi può dirmi che non si tratti di sudicia provocazione?”. E continua accusando: “Questa è strumentalizzazione dei bambini! Questo è un futuro imposto ai bambini da minoranze che hanno uno sguardo falso e deviato… L’unica paura è per i più piccoli che ci guardano…”.

Dall’altra parte Il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Cultura Francesco Giambrone replicano alle affermazioni del prelato: “Lo spettacolo di ieri sera è stato nel suo complesso un modo per narrare la città, una festa per raccontarne le tante parti, rappresentare i tanti tasselli del mosaico che la compongono. Una festa che è stata lo specchio di una città fatta di tante ricchezze, diversità e anime che convivono pacificamente. Così come abbiamo visto il futuro nei 300 bambini del centro Santa Chiara con la pelle dei colori più diversi ma uniti e felici di esserlo, così come nel donare a quei bambini la fascia di sindaco abbiamo visto il futuro, altrettanto abbiamo visto nella rappresentazione delle tante anime che compongono Palermo, nessuna esclusa. Il brano letto alla Cattedrale, trenta minuti di testi musicali e poetici che, tutti insieme, esortavano verso l’amore e in particolare verso l’amore e l’attenzione per il prossimo, è stato accompagnato da circa seimila immagini”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook