Archiviato in | Cronaca Sindacale, Scuola

SCUOLA: I VINCITORI DEL CONCORSONE SENZA LAVORO

SCUOLA: I VINCITORI DEL CONCORSONE SENZA LAVORO

“l'Anief (Associazione nazionale insegnanti ed educatori in formazione) denuncia errori di calcolo e di programmazione del Miur. Nella nota si legge: ‘molte assunzioni salteranno soprattutto al Sud. In Sicilia andrà in fumo la metà dei posti per gli istituti d'infanzia’. Sono11.542 vincitori del concorso a cattedre bandito lo scorso anno, dopo aver superato una dura selezione, rischiano di rimanere senza lavoro”

Print Friendly, PDF & Email

Scuola. L’Anief (Associazione nazionale insegnanti ed educatori in formazione) denuncia che per errori di calcolo e di programmazione del Miur ((Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), e nello stesso tempo alla riforma sulle pensioni introdotta dal governo Monti, molte assunzioni ripartite da tempo a livello regionale non potranno infatti avere luogo, soprattutto al Sud. Una fetta consistente degli ormai prossimi 11.542 vincitori del concorso a cattedre bandito lo scorso anno, dopo aver superato una dura selezione, rischiano di non poter lavorare. L’Anief ha effettuato questo studio incrociando i dati ufficiali sulla ripartizione regionale delle cattedre da assegnare tramite il concorso pubblico e le recenti elaborazioni su organici e mobilità del personale. Si legge nella nota: “In Sicilia sono 216 i posti che dovrebbero andare ai vincitori del comparto scuola d’infanzia. Peccato che dopo i trasferimenti ne siano rimasti appena la metà: 128. Situazione analoga in Campania: per i 243 vincitori del concorso ci sono solo 164 posti disponibili. Alla primaria va ancora peggio: in Abruzzo si accingono a brindare alla vittoria 100 candidati. Peccato che il Miur ne abbia a disposizione appena 23”.

L’Anief nei suoi calcoli rivela che la situazione, dei docenti di troppo: “nella scuola superiore purtroppo diventa ancora più frequente. In Puglia, ad esempio, sulla A060 (Scienze naturali, chimica e geografia), entro fine agosto saranno 13 ad essere decretati meritevoli di accedere all’immissione in ruolo: sempre per effetto della riforma Gelmini, però, oggi su quella disciplina ci sono ben 25 soprannumerari. Situazione leggermente migliore per la A034 (Elettronica), dove i 7 che usciranno meglio classificati dalla selezione, al momento sono chiusi da 6 docenti rimasti senza cattedra. Cupe anche le prospettive della 036 (Filosofia, psicologia e scienza dell’educazione), sia in Puglia che in Sicilia: i rispettivi 8 e 10 candidati da prescegliere, non potranno essere assunti se prima non verranno smaltiti gli attuali 2 docenti privi di posto in Puglia e addirittura 20 in Sicilia”.

Sempre l’associazione sindacale conclude con una considerazione: “Poiché la normativa dei concorsi pubblici prevede che con l’espletarsi del successivo bando decadano automaticamente i vincitori del precedente, tra due o al massimo tre anni tutti i candidati idonei che non saranno stati nel frattempo assunti rimarranno con un pugno di mosche in mano. Addirittura, secondo quanto prevede il ministero dell’Istruzione, non avranno nemmeno il diritto di inserirsi nelle graduatorie a esaurimento”. Accertati questi dati l’Anief chiede al ministero di dare attuazione all’annunciata realizzazione di una graduatoria degli idonei al concorso almeno triennale.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook