Archiviato in | Politica Regionale

REGIONE SICILIANA: MPA E PDL “STRUTTURA GESTIONALE BLOCCATA”

REGIONE SICILIANA: MPA E PDL “STRUTTURA GESTIONALE BLOCCATA”

“Conferenza stampa a Palazzo dei Normanni dei capigruppo D'Asero(Pdl) e Di Mauro(Mpa): ‘Non c'è attenzione per un progetto di sviluppo della Regione - la struttura gestionale della Regione è bloccata’ – ‘Stiamo valutando la mozione di sfiducia"

Print Friendly, PDF & Email

Regione Siciliana. Conferenza stampa a Palazzo dei Normanni dei capigruppo Mpa e Pdl, Roberto Di Mauro e Nino D’Asero. I deputati regionali accusano il governo regionale di aver approntato una maxi rotazione dei dirigenti avviata dal presidente Crocetta, provocando la ‘paralisi’ della macchina amministrativa e l’assenza di politiche di sviluppo. E poi hanno messo sul tavolo i seguenti temi: maggiore attenzione ai 384 Comuni siciliani e una ulteriore pressione per accelerare la spesa dei fondi Ue, la deroga al patto di stabilità e la questione morale. – il capogruppo del Mpa all’Ars Roberto Di Mauro ha detto che ad oggi: “Non vi è alcuna attenzione per un progetto di sviluppo della Regione, la struttura gestionale dell’Ente è bloccata. L’appeal, che Crocetta aveva al momento delle elezioni, è orai scaduto”. Anche il capogruppo del Pdl D’Asero ha comunicato a i giornalisti presenti che: “Il nostro governatore predica bene, ma agisce male. Il ragionamento sulla mozione di sfiducia resta aperto” e poi aggiunge “stiamo valutando”. Quindi, per Mpa e Pdl resta in considerazione l’ipotesi di una mozione di censura nei confronti del presidente della Regione Rosario Crocetta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook