CATANIA: RAFFAELE LOMBARDO E IL FIGLIO TOTI INDAGATI PER VOTO DI SCAMBIO

CATANIA: RAFFAELE LOMBARDO E IL FIGLIO TOTI INDAGATI PER VOTO DI SCAMBIO

“L'ex presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo e il figlio Toti hanno ricevuto un avviso di conclusione delle indagini dalla Procura di Catania. I Lombardo avrebbero concesso dei posti di lavoro in occasione delle Regionali di ottobre 2012”.

Print Friendly, PDF & Email

Catania. Raffaele Lombardo e il figlio Toti nel mirino della Procura della Repubblica di Catania. L’inchiesta è coordinata dalla procura di Catania, guidata da Giovanni Salvi e affidata al pm Rocco Liguori, è stata condotta dalla Squadra Mobile di Catania  prende spunto dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Gaetano D’Aquino, che avrebbe raccontato ai magistrati la possibilità che nel settore della nettezza urbana si verificassero casi di assunzione in cambio di promesse di voto. All’ex presidente e a suo figlio Toti, oggi deputato regionale, sono stati notificati gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari con l’accusa di voto di scambio. Il reato, secondo la Procura di Catania, sarebbe avvenuto il 18 marzo 2013, quando il lavoro promesso sarebbe effettivamente stato concesso. L’indagine riguarda le ultime elezioni regionali del 28 ottobre, al termine delle quali è stato eletto Toti Lombardo. Il fine era quello di ottenere voti in favore del candidato Salvatore Lombardo, infatti, avrebbero promesso ad Angelo Marino e a Ernesto Privitera e un impiego lavorativo in favore dello stesso Marino e di Giuffrida, quest’ultimo di seguito effettivamente assunto. Giuseppe Giuffrida, Ernesto Privitera e Angelo Marino dovrebbero rispondere del medesimo reato per avere accettato la promessa dello scambio.lombardo_raffaele_figlio_toti

Dopo la soffiata del collaboratore di giustizia D’Acquino, la polizia su disposizione della procura, ha avviato una serie di accertamenti tra cui anche intercettazioni ambientali. L’indagine è partita nella fase pre-elettorale delle regionali, dove sono stati raccolti vari indizi, fino a quando si è verificata la consumazione stessa del reato del voto di scambio: il 18 marzo 2013, infatti, Giuseppe Giuffrida sarebbe stato effettivamente assunto nel settore della nettezza, così come sarebbe stato promesso dai Lombardo. In particolare sarebbe entrato a far parte dell’Ipi srl, con sede nella zona industriale etnea. Si tratta di una delle due società che rappresentano il consorzio temporaneo di imprese (Ipi-Oikos) che si è aggiudicato l’appalto nel 2010 per la gestione quinquennale della raccolta dei rifiuti a Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook