Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Religione

LAMPEDUSA (AG): IL PAPA IN PREGHIERA SULL’ISOLA, VISITA STORICA

LAMPEDUSA (AG): IL PAPA IN PREGHIERA SULL’ISOLA, VISITA STORICA

“L'arrivo del pontefice si avvicina e fervono i preparativi per lunedì prossimo. L’auto è pronta: dovrebbe essere una Fiat campagnola decappottabile. Papa Francesco celebrerà messa con un pastorale e un calice di legno ricavati dalle imbarcazioni dei migranti giunti sull'isola. Il sindaco delle Pelagie afferma “Ora l’Europa non potrà più girarsi dall'altra parte”.

Print Friendly, PDF & Email

Lampedusa. L’auto per Papa Francesco e già pronta. Dovrebbe essere una Fiat campagnola decappottabile coi sedili posteriori modificati messa a disposizione da un milanese che da venti anni è di casa a Lampedusa. Con questa auto, papa Francesco giungerà al campo sportivo di contrada Arena dal molo Favarolo e sul terrazzino della sede dell’area marina protetta isole Pelagie dirà messa. Il Santo Padre, lunedì celebrerà messa con un pastorale e un calice di legno ricavati dalle imbarcazioni dei migranti giunti sull’isola. Si tratta di opere realizzate dal falegname di Lampedusa Franco Tuccio. Lo stesso Tuccio aveva realizzato anche una croce che nell’aprile del 2011 gli abitanti di Lampedusa, accompagnati da don Stefano Nastasi, presenti all’udienza generale in piazza San Pietro, donarono all’allora pontefice Benedetto XVI. Papa Francesco dovrebbe già avere un pezzo di un barcone di migranti: un crocifisso pettorale consegnato da monsignor Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, durante l’incontro nel quale il pontefice venne invitato.

Oggi papa Francesco ha incontrato in Vaticano i seminaristi e le novizie arrivati da ogni parte del mondo: “La gioia non nasce da ciò che si possiede – ha detto Bergoglio -. A me fa male quando vedo un prete o una suora con una macchina ultimo modello. Alfred – dice riferendosi al segretario, monsignor Xuereb – va con la bicicletta, è una cosa buona”. E poi il Papa lancia un monito ormai ribadisce da tempo che invita a non seguire le mode del momento e afferma: “Penso alla ricerca dell’ultimo modello di smartphone ma la gioia non nasce da ciò che si ha. Pensate a quanti bambini muoiono di fame”. Il discorso vale anche per i laici: “Penso al divertimento nei locali più in voga. Lo dico ai giovani, non alle suore, ovviamente – e poi con tono di scherno Bergoglio incalza -. Altri ancora passano da un ragazzo all’altro, ad un amore non sicuro. Questa però è una gioia che resta in superficie, è ebbrezza del momento che non rende felici. La vera goia nasce dall’incontro, dalla relazione con gli altri. In questo mondo in cui le ricchezze fanno tanto male, è necessario che noi preti, suore, tutti siamo coerenti con la nostra povertà”.

“Quello del Santo Padre è un gesto che cambierà la storia”. Lo dice  il sindaco Giusi Nicolini. Mancano due giorni dalla visita del pontefice a Lampedusa, e il primo cittadino è impegnata nell’organizzazione dell’accoglienza sull’isola delle migliaia di persone che assisteranno alla messa e all’omelia di papa Bergoglio. La Nicolini continua dicendo “L’Europa, con le sue politiche migratorie, fino ad oggi ha deliberatamente evitato il problema, facendo finta di non vedere l’immensa tragedia dei viaggi della speranza attraverso il Mediterraneo: spesso senza nemmeno dimostrare pietà per le tante vittime. Ora l’Europa non potrà più girarsi dall’altra parte. Il papa ha reso visibili gli invisibili, restituendo ai migranti quella dignità che gli Stati hanno sempre negato”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook