TEATRO BELLINI CATANIA: CROCETTA “COMMISSARIARE L’ENTE”, SINDACATI IN ALLERTA

TEATRO BELLINI CATANIA: CROCETTA “COMMISSARIARE L’ENTE”, SINDACATI IN ALLERTA

“Le dichiarazioni del Sindaco Enzo Bianco e del presidente Rosario Crocetta sul futuro del teatro hanno provocato le reazioni dei sindacati Cisl e Uil”.

Print Friendly, PDF & Email

Teatro Bellini Catania. L’intenzione del presidente della Regione Rosario Crocetta di voler commissariare il Teatro Massimo Bellini, provoca la preoccupazione dei sindacati. In merito il segretario della Cisl etnea Rosaria Rotolo ritiene che: “A Catania serve operosità trasparenza e progetti concreti e meno costosi. Bisogna evitare nuove stagioni dove Catania diventi terreno e scontro per battaglie di potere da occupare solo per gli interessi dei governanti vincitori di turno. Catania – aggiunge la Rotolo – servono soluzioni ai problemi e condizioni nuove per favorire sviluppi e risparmi di gestione nella cosa pubblica. Vorremmo – conclude – che si chiudesse per sempre la stagione di una politica che a Catania opera per rafforzare e favorire potentati e vicerè. Ci appelliamo anche al sindaco Bianco perché tale rischio venga scongiurato”.

Anche il segretario della Uil Angelo Mattone, replica all’annuncio del sindaco Enzo Bianco in merito al rischio di inagibilità del Teatro Massimo Bellini dopo un sopralluogo effettuato dai vigili del fuoco: “E’ una notizia che preoccupa chi come noi della UIL crede nell’indispensabile funzione svolta dall’istituzione culturale lirica siciliana e nella straordinaria risorsa, umana e professionale, rappresentata dai lavoratori del Bellini. Chiediamo un immediato confronto tra organizzazioni sindacali, gli enti-soci e gli amministratori del Teatro, soprattutto per capire come saranno recuperate le somme necessarie ai lavori richiesti”. Una richiesta che parte da Mattone e dal responsabile del settore Spettacolo della Uil-Com, Giovanni Nicotra. “Abbiamo appreso – concludono i sindacalisti – che servono interventi per un milione 200 mila euro ma l’unica certezza e’ costituita dai 400 mila euro messi a disposizione dalla Regione. Chi coprirà una così rilevante differenza “. Questo è il quesito e La preoccupazione degli addetti ai lavori che restano in apprensione per questi gravi incombenze da superare.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook