Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PALERMO: BLITZ DEI CARABINIERI AL CLAN DI PORTA NUOVA

PALERMO: BLITZ DEI CARABINIERI AL CLAN DI PORTA NUOVA

“Vasta operazione antimafia da parte dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo denominata “Alexander”. Trenta persone in manette, sequestrati beni per circa tre milioni di euro. Dalle indagini sono emerse alleanze con le cosche trapanesi per gestire lo spaccio di droga che veniva acquistata dal Sud America e dal Nord Africa. Il capomafia Alessandro D'Ambrogio inviava post intimidatori sul social network”

Print Friendly, PDF & Email

Palermo. È in corso da stamane una vasta operazione antimafia da parte dei Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Palermo, che hanno eseguito una trentina di fermi del Pubblico Ministero emessi dalla locale Direzione Distrettuale Antimafia. L’iniziativa si è svolta tra le province di Palermo e Trapani e in altre località del territorio nazionale. I reati contestati a vario titolo sono quelli di associazione per delinquere di stampo mafioso e traffico internazionale di stupefacenti. Nell’operazione antimafia “Alexander” sono finiti in manette: Salvatore Alario, 21 anni; Giovanni Alessi, 37; Salvatore Asaro, 53; Marco Chiappara, 34; Giuseppe Civiletti, 33; Pietro Compagno, 30; Alessandro D’ambrogio, 39; Giuseppe Di Maio, 28; Daniele Favata, 24; Alfredo Geraci, 34; Attanasio La Barbera, 44; Ignazio Li Vigni, 38; Francesco Paolo Nuccio, 30; Giacomo Pampillonia, 27; Giacomo Rubino, 38; Carmelo Russello, 28; Francesco Scimone, 44; Biagio Seranella, 35, Antonino Seranella 37; Umberto Sisia, 56; Pietro Tagliavia 45; Francesco Tarantino 28; Giovanni Vaccaro 39; Vincenzo Vigna 30.

Le indagini hanno consentito di ricostruire gli assetti e le dinamiche criminali del mandamento mafioso palermitano di Porta Nuova, individuandone capi e gregari. Nello stesso contesto, sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa tre milioni di euro. Dall’inchiesta è emerso che la cosca, pur continuando a incassare attraverso le estorsioni a imprenditori e commercianti, ha bisogno di altre fonti di guadagno per mantenere le famiglie degli uomini d’onore in carcere: per questo ha stretto alleanze con i clan trapanesi per gestire lo spaccio di droga acquistata dal Sud America e dal Nord Africa.

il procuratore di Palermo Francesco Messineo commentando il blitz ha detto: “Cosa nostra sta tornando da protagonista nel traffico di droga. La fonte di guadagno rappresentata dalle estorsioni si va inaridendo e i clan hanno bisogno di trovare altre strade di arricchimento. Le cosche – ha aggiunto inoltre – hanno capito che il pizzo porta a porta non conviene più: è rischioso e porta guadagni esigui”. Mentre il procuratore aggiunto Leonardo Agueci ha reso noto che per mandare messaggi intimidatori veniva usato il più diffuso dei social network, “facebook”. Sfruttando il profilo di un uomo d’onore, Giacomo Pampillonia, il nuovo capomafia del mandamento palermitano di Porta Nuova, Alessandro D’Ambrogio, ha scritto un post chiaramente intimidatorio sulla bacheca del suo fedelissimo diretto ad altri ma senza destinatario. “I destinatari della minaccia non sono specificati, ma – spiega Agueci – dalle indagini è emerso che il messaggio è arrivato a chi doveva arrivare”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook